L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Stomaco e intestino

23/02/2016 21:52:58

Gastrite cronica atrofica con metaplasia intestinale e displasia

Salve,
un anno fa, circa, in seguito ad una tosse stizzosa ho eseguito vari esami tra cui anche una gastroscopia con relative biopsie esofago-cardiali (1), all'antro gastrico (2) e al corpo gastrico(3).
Diagnosi: 1) Mucosa di tipo colonnare cardio-oxintica, con fenomeni iperplastico-rigenerativi, con flogosi modica inattiva e focale metaplasia intestinale (nn si puo escludere esofago di Barrett) con sospetta displasia di basso grado (focolaio marginale in uno dei frammenti). 2) prelievi su ulcera riepitelizzata della mucosa gastrica antrale, con metaplasia intestinale e displasia di basso grado. 3) gastrite cronica atrofica moderata, inattiva, focale in mucosa fundico transizionale con metaplasia intestinale di superficie. Negativo la ricerca dell'Helicobacter Pylori. Controlllo a sei mesi senza terapia.
Ho ripetuto, ai sei mesi la gastro e le relative biopsie:1mucosa giunzionale squamo-cellulare; 2antro gastrico; 3corpo gastrico.
DIAGNOSI: 1) Esofagite peptica con cardite moderata, attiva. Assenti inequivocabili aspetti metaplastici intestinali. 2) Gastrite cronica atrofica moderata,inattiva, in mucosa antrale con ampi focolai di metaplasia intestinalefocalmente sede di displasia di basso grado. 3) frammento di mucosa gastrica oxintica con note angectasiche frammentino superficiale di mucosa oxintica con metaplasia pseudopilorica. Negativo H.P. Controllo a un anno senza terapia. Vorrei capire meglio qsta ultima diagnosi, visto che l'Esofago di Barrett nn risulta nell'ultimo esame, se è più preoccupante e se con "solo" i controlli si può sperare che la situazione non degeneri.
In attesa di un Vostro gentile riscontro in merito, porgo ossequi.

Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del25/02/2016

Probabilmente un vero esofago di Barrett non c'è mai stato. Però vi sono, sia una Esofagite da reflusso, sia una Gastrite cronica con lievi note di displasia. Credo che, oltre a controlli periodici, una terapia gastroprotettiva sia consigliabile.


Prof. Alberto Tittobello
Casa di cura privata
Specialista attività privata
Universitario
Specialista in Gastroenterologia
Specialista in Cardiologia
Milano (MI)


Altre risposte di Stomaco e intestino







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi


Iscriviti alla newsletter

Invia una mail alla redazione



Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra