L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Infezioni

13/11/2006 15:56:26

Gentili medici vi prego di ascoltarmi...

Vi scrivo perche’ da qualche tempo ho dei disturbi che mi stanno rendendo la vita difficile. I sintomi che avverto sono i seguenti:
Ho la sensazione di sentire il battito del mio cuore in maniera estremamente intensa,soprattutto in testa ma anche in tutto il resto del corpo a tal punto che spesso tutto il mio corpo si muove a ritmo del battito cardiaco (me ne rendo conto in special modo quando leggo il giornale, le mie mani fanno un piccolo movimento, tipo tremore, ad ogni battito).
La frequenza credo sia normale,non avverto accellerazioni o decellerazioni frequenti,ma queste pulsazioni continue molto intense. Questo "battito" lo percepisco nella testa in generale, ma anche nel campo visivo; mi da una sensazione di giramento di testa soffuso che spesso diventa vera e propria vertigine, con mancanza di coordinazione e sensazione di cadere al suolo.
Inoltre mi pare di essere diventato in generale molto più sensibile ai vari movimenti esterni (ad esempio se il pavimento per qualche motivo vibra leggermente, me ne accorgo e mi da molto fastidio, mentre magari altri neppure se ne accorgono).
La pressione e’ normale.Ho gia fatto una risonanza magnetica e un controllo alle orecchie per la labirintite (negativi). Vi prego di darmi un consiglio sugli esami da effettuare per delineare la situazione. Grazie

Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del16/11/2006

Le consiglio un Holter cardiaco, esami della tiroide TSH, FT3, FT4 ed una visita neurologica.

Prof. Milena De Marinis
Universitario
Specialista in Neurologia
ROMA (RM)


Risposta del16/11/2006

Ho già risposto ad una domanda analoga, anche se i fenomeni erano di minore intensità. Confermo che questa condizione è relativa ad uno stato di ipercinesia cardiovascolare, probabilmente legata ad una maggiore forza contrattile del miocardio, con buona compliance vascolare, sì da non verificarsi Ipertensione arteriosa.
Nel suo caso però i disturbi alterano sensibilmente lo stato di benessere. Sarebbero ipotizzabili degli interventi terapeutici con farmaci, da attuare con l'aiuto e la consulenza del medico curante.
Se è sospettabile uno stato d' Ansia si potrebbe tentare con i sedativi, con le dovute cautele per non instaurare dipendenza e programmando un colloquio, o più, con uno psicologo.
Viceversa si potrebbe instaurare una terapia con dosi minime di beta-bloccanti, che deprimono l'attività cardiaca.
Difficile pensare ad una terapia etiologica, in quanto, al di là di un possibile ruolo dell' Ansia , la causa di questa condizione, di cui si parla molto poco anche per la sua probabile benignità, resta sconosciuta.
Cordiali saluti.

Dott. Tonino Grasso
Medicina Territoriale
MARTANO (LE)


Altre risposte di Infezioni







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra