L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Sessualità

05/05/2006 16:28:23

Glande molle

Salve,ho 43 anni ,non fumo da sei anni,e ho fumato per 20 anni sigarette leggere.Da quando ho smesso di fumare ho cominciato a notare che la mia erezione non era più normale come prima.In pratica oggi dopo sei anni posso avere rapporti normali ,ma noto pero' che il pene non è piu ben turgido come un tempo,e la cosa che mi colpisce di più è che mentre tutto il pene è piuttosto duro ,il glande resta molle molle.
Soffro da quando avevo 17 anni di ipertrofia prostatica e periodicamente assumo Ipertrofan,sempre a 17 anni mi hanno diagnosticato una Epitidimite,curata con Rifadin,Danzen e Baktrim forte,e ho anche una cisti all'epididimo sx.
Sono tutte cose che mi sono sempre portato dietro ma non hanno mai influenzato la mia erezione.Noto spesso al momento dell'eiaculazione un senzo di mancato svuotamento.
Non ho mai fatto accertamenti accurati in merito.
Presso chi dovrei indirizzarmi,tra Andrologo,Urologo,o Endocrinologo.
La mia dottoressa,della quale ho poca fiducia,pur non avendo mai avuto la glicemia alterata,solo perche' in famiglia ci sono diabetici mi ha prescritto una visita diabetologica che ancora non ho fatto,asserendo che questi possono esere piccoli segnali di un futuro diabete,è vero?
Ho fatto pero' la curva oraria ed è normale.
A livello di circolazione del sangue posso dire che due anni fa ho fatto degli accertamenti di routine e da un controllo delle arterie non sono risultati accumuli di grasso,anzi posso dire che nelle ultime analisi del sangue il colesterolo è 200 e i grassi quelli buoni di cui non ricordo il nome sono a 60,piu' del valore massimo.
Mi date per favore un consiglio?
Lo so sono stato molto lungo,saluti da Catania.

Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del08/05/2006

Il suo problema , tutto da valutare , può avere una causa ormonale , dismetabolica (es. Diabete ) oppure neurovascolare . Le consiglio di consultare un andrologo che, valutata attentamente la sua situazione clinica in modo diretto, saprà eventualmente indicarle le indagini diagnostiche corrette e successivamente impostare una terapia mirata. Un cordiale saluto.

Dott. Giovanni Beretta
Specialista convenzionato
Specialista attività privata
Specialista in Andrologia
Specialista in Ginecologia e ostetricia
Specialista in Urologia
MILANO (MI)


Altre risposte di Sessualità







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra