L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Infezioni

12/01/2006 07:48:41

Gonfiore agli arti, peraltro spesso freddi

Egregio/a dott./ssa,

stamane, come spesso accade, mi sono svegliata con le mani gonfie, ma, a differenza delle altre volte, il fastidio da me percepito è più acuto e persiste tuttora, nonostante mi sia alzata da circa tre ore! Inoltre, avverto la stessa sensazione di pesantezza in corrispondenza degli arti inferiori, rispetto ai quali mi è stato comunque diagnosticato tempo fa un lieve sfiancamento della safena sinistra.

Oltre a questo tipo di disturbo, più in generale, presento fin troppo spesso mani e piedi freddi, per non dire ghiacciati, con tanto di comparsa di un colore cianotico a livello delle unghie, sia delle mani che dei piedi, sovente esteso anche sulla pelle delle mani, sulle quali si manifestano molteplici chiazze che vanno dal bianco al bluasto, passando per il colore rossastro.

Da cosa potrebbero dipendere tutti questi disturbi? Ritiene per me opportuno procedere ad una visita specialistica?

Preciso che ho 23 anni e che la mia corporatura è magra.

La ringrazio per la disponibilità.
Distinti Saluti.

Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del15/01/2006

E' possibile che Lei sia affetta da una cosiddetta "acrosindrome": disturbi su base funzionale e, nella quasi totalità dei casi, di natura assolutamente "benigna". Eviti l'esposizione al freddo (non solo delle estremità). Una visita specialistica è opportuna per una più esatta valutazione, per qualche suggerimento terapeutico (se i sintomi sono fastidiosi) e per escludere (evenienza rara) la presenza di una misconosciuta malattia sistemica alla base dei suoi disturbi. Non sottovaluti inoltre la insufficienza venosa degli arti inferiori, specialmente se vi è una familiarità in tal senso: è alla sua età che si può mettere in atto un valido programma preventivo.

Dott. Lucio Piscitelli
Medico Ospedaliero
Specialista attività privata
Specialista in Chirurgia generale
Specialista in Chirurgia vascolare, angiologia
NAPOLI (NA)


Risposta del15/01/2006

Bisogna prima escludere la possibiltà che i suoi sintomi dipendano dall'alimentazione, basta una fetta di prosciutto, che contiene sale e conservanti per avere il giorno successivo, mani gonfie e pressione arteriosa alta, una buona alimentazione che escluda cibi con conservanti, latte, (blocca la circolazione linfatica), farina di grano, (glutine, pensi alle 58.000 tonnellate di grano inquinate), quindi cibi freschi, insalata mista, frutta, carne, pesce, carni bianche, verdura cotta, successivamente se il disturbo persiste può fare accertamenti più prcisi.
SAluti Alberto Moschini alberto3691@alice.it

Dott. Alberto Moschini
CARRARA (MS)


Altre risposte di Infezioni







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra