L'esperto risponde

Domanda di: Salute femminile

12/06/2004 00:15:29

Gravidanza in menopausa

Ho 35 anni. Un anno e mezzo fa ho scoperto di essere entrata in Menopausa , d'allora ho assunto FEMOSTON-L fino al mese di marzo u.s. Dopo una sospensione di circa 35 gg ho ripreso la terapia con il LIVIAL. Da circa due giorni ho scoperto d'essere incinta di tre mesi e dietro consiglio del mio ginecologo ho sospeso la cura. Vorrei conoscere il Vs. parere circa gli effetti che detti farmaci potrebbero avere sul feto. Grazie.

Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:

Risposta del15/06/2004

Non è chiaro quanto tempo è intercorso dall'assunzione del Livial al momento in cui ha scoperto di essere gravida e quali sono stati i motivi che hanno fatto sorgere il dubbio dell'esistenza di una gravidanza in una donna in Menopausa . Temo che la letteratura non possa assolutamente aiutarci sugli effetti del livial sul feto in quanto la sua specifica indicazione suggerisce la somministrazione a Menopausa accertata e consolidata da almeno 12/24 mesi. Se la gravidanza fosse iniziata ad assunzione in corso potremmo fare il generico discorso dell'effetto tutto o nulla: vale a dire che avendo il farmaco agito nel periodo della prima divisione cellulare, se avesse causato un danno questo sarebbe stato "totale", cioè tale da impedire il proseguire della gravidanza e la formazione di un feto vitale. Ovviamente questa è una risposta di tipo unicamente statistico e temo che ben poco di più Le si possa dire in merito. Per quanto riguarda il Femoston, che, peraltro, dalla Sua descrizione del caso, mi sembra essere fuori giuoco anche qui i dati sono scarsi, ma tuttavia, contenendo ormoni di uso corrente anche nelle pillole anticoncezionali, è possibile dire con una certa sicurezza che non dovrebbe procurare danni fetali, in quanto, nei rari casi di assunzione erronea in corso di gravidanza non ci sono state segnalazioni di aumento delle anomalie fetali. La ovvia scarsità di documentazione scientifica in materia non permette di essere più esaustivi.
Cordialmente

Dott.ssa Silvia Mendolicchio
Specialista convenzionato
TORINO (TO)



Altre risposte di Salute femminile


© RIPRODUZIONE RISERVATA