L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Stomaco e intestino

18/06/2007 18:31:39

Helicobacter e dolori addominali

Salve, da qualche mese avverto dolori nella parte bassa dello sterno, leggermente sulla destra.
All'inizio erano associati soprattutto alla postura, e iniziavano ad essere fastidiosi solo dopo parecchie ore passate seduto. Poi il dolore è diventato più persistente, comparendo anche alla mattina appena sveglio e associato ad altri disturbi (feci alterate, salivazione eccessiva).
Dopo un consulto medico ho effettuato una radiografia al torace e un'ecocardiogramma, per poi fare una gastroscopia che ha dato come esito:
Esofagite 1° grado, Incontinenza cardiale, helicobacter positivo.

Ho seguito la terapia che mi ha prescritto il mio medico di base assumendo per 10 gg limpidex 30 alla mattina, zimox 1000 e veclam 500 ogni 12 ore.
Il dolore all'inizio si è attenuato, ma poi è ricomparso, e dopo un breath testsono risultato ancora positivo all'helicobacter. Il mio medico mi ha prescritto una terapia simile di 10 giorni, con trimonase al posto di veclam, ma il dolore è rimasto, e ora mi sono stati prescritti gli stessi antibiotici per altri 5 giorni. Intanto il dolore è diventato più fastidioso e talvolta si irradia lungo schiena e braccia, e le feci sono diventate da un mese acide e "collose", oltre che frequenti (sto prendendo anche fermenti per l'in testino senza miglioramenti).

A questo punto possono essere efficaci gli ultimi 5 giorni di antibiotici? Questi sintomi posso essere attribuiti tutti all'helicobacter? Non sarebbe meglio interrompere la cura e consultare prima uno specialista?

Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del21/06/2007

Il suo medico le ha fatto seguire i due schemi di terapia piu' efficaci per eliminare l'Helicobacter, non interrompa la cura. Tuttavia, i suoi disturbi sono del tutto indipendenti dalla presenza dell.Helicobacter. E' stata riscontrata un' Esofagite da reflusso di I grado, il che significa con qualche erosione. Quindi deve proseguire la terapia con il Lansoprazolo a lungo termine.

Prof. Alberto Tittobello
Casa di cura privata
Universitario
Specialista in Cardiologia
Specialista in Gastroenterologia
MILANO (MI)


Altre risposte di Stomaco e intestino







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra