L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Cuore

15/11/2006 21:15:12

Ho 19 anni e soffro di vene varicose

Salve, ho 19 anni e soffro di vene varicose..ho scoperto di soffrire di questa malattia, xk gia da bambina avevo una vena molto evidente, ma anche la pediatra mi diceva che era dovuta al fatto che ho la pelle molto chiara...in seguito ho scoperto che ho entrambe le valvole incontinenti...cosi ho provato di tutto, per due anni ho fatto le sclerosanti, con risultati solo momentanei. Ho fatto delle sedute di laser per togliere piccoli capillari, ma anche questo con scarsi risultati.L'anno scorso dopo aver consultato vari specialisti, ho subito un'operazione alla vena che si vedeva sin da quando era piccola, appunto la safena.mi è stata sfilata..avro fatto bene?..e soprattutto ora in avanti mi compariranno altre vene, come è gia successo, e cosa posso fare?..il mio medico mi dice che vuole fare microincisioni, ma cosi mi ritroverò le gambe piene di cicatrici, e dato anche che sono molto chiara rimangono evidenti per molto tempo...cosi vorrei sapere se ci sono centri specializzati anche per nuove tecniche, tipo laser,ecc..e se sono efficaci...
Vi ringrazio...aspetto una risposta...
Distinti saluti...
D.

Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del19/11/2006

se cmpaiono altre varicosita dopo safenectomia è consigliabile la scleroterapia . L'insuccesso delle sedute precedenti l'intervento è probabilmente dovuto alla persistenza del reflusso safenico

Dott. Adriano Bormida
Medicina generale convenz.
Specialista attività privata
Specialista in Chirurgia vascolare, angiologia


Risposta del19/11/2006

se cmpaiono altre varicosita dopo safenectomia è consigliabile la scleroterapia . L'insuccesso delle sedute precedenti l'intervento è probabilmente dovuto alla persistenza del reflusso safenico

Dott. Adriano Bormida
Medicina generale convenz.
Specialista attività privata
Specialista in Chirurgia vascolare, angiologia


Risposta del19/11/2006

se cmpaiono altre varicosita dopo safenectomia è consigliabile la scleroterapia . L'insuccesso delle sedute precedenti l'intervento è probabilmente dovuto alla persistenza del reflusso safenico

Dott. Adriano Bormida
Medicina generale convenz.
Specialista attività privata
Specialista in Chirurgia vascolare, angiologia


Risposta del19/11/2006

Non è del tutto eccezionale imbattersi in soggetti che già alla sua età hanno problemi di insufficienza venosa con Incontinenza valvolare e reflussi tronculari. Vi è un ampio dibattito fra i flebologi circa l'opportunità di sottoporre soggetti giovani alla safenectomia e, più in generale, sulla safenectomia stessa.
Io sono tra quelli che, pur evitando di "portare via" Safene indiscriminatamente e con facilità, sostiene la necessità di non procrastinare decisioni drastiche quando, come nel suo caso, sembrano inevitabili nel tempo: lo dimostra l'insuccesso che Lei riferisce dei trattamenti alternativi. I migliori risultati in termini di stabilità del risultato e di minimo danno estetico si hanno, almeno nella mia esperienza, quando si agisce tempestivamente evitando di dilazionare nel tempo e "a rate" il necessario trattamento chirurgico. Tenga presente che con un po' di pazienza è possibile eseguire anche interventi di stripping con cicatrici quasi invisibili. Ma questa ovviamente è solo la mia personale opinione e sicuramente qualcun altro Le proporrà indicazioni diverse. Per quanto riguarda il Laser endovascolare (alternativo alla safenectomia), non ne ho personale esperienza, ma è una metodica che non mi convince (qualcuno dice: "promette molto e mantiene poco"); per le teleangectasie può trovare maggiori dettagli sul mio sito: http://xoomer.alice.it/luciopiscitelli/Home.html
Quanto poi alla necessità di ulteriori controlli, "ritocchi" e revisioni, in questo caso trovano ottima indicazione la scleroterapia e le flebectomie ambulatoriali con miniincisioni: l'importante è non abbandonare il problema a se stesso poichè dalla insufficienza venosa non si guarisce, ma le sue manifestazioni possono essere controllate con successo e con ottimi risultati estetici.


Dott. Lucio Piscitelli
Medico Ospedaliero
Specialista attività privata
Specialista in Chirurgia generale
Specialista in Chirurgia vascolare, angiologia
NAPOLI (NA)


Altre risposte di Cuore







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra