L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Mente e cervello

23/10/2006 13:36:27

Ictus

Grazie per la possibilità di poter usufruire di questo servizio.
mi chiamo colelli luigi, ho 36 anni,vivo a vicenza e lavoro nella polizia penitenziaria(adesso sono in convalescenza dall'ospedale militare di pd).
sono due anni che vado più spesso all'ospedale che non a casa o al lavoro. nell'ottobre del 2004 mi è stata diagnosticata la seguente malattia: "afasia transcorticale da infarto in territorio di ramo della silviana di sn, da causa indeterminata".
nel giugno del 2006 ho avuto un altro episodio analogo.
ecco la seguente diagnosi: crisi comiziali parziali con successiva generalizzazione in pregresso ictus ischemico temporo-parietalesx a parietale dx (criptogenetico).
sto cercando di trovare la causa dell causa dei miei disturbi.sono in cura presso l'ambulatorio del dott. de grandis di rovigo.
la mia richiesta è la seguente(la mia sono ipotesi):
-ho sempre avuto il setto nasale deviato(infatti dalla narice sinistra non riesco proprio respirare) e la notte russo in modo esagerato in quanto non dormo in modo regolare;
-ho una scoliosi all'altezza del collo:diagnosi, scoliosi sn convesso corpi vertebrali noro conformati.ridotto in ampiezza lo spazio intersomatico c5/c6 a carattere discopatico;
-ho abusato di alcool a partire dal 1996 al 2004(bevevo abbastanza la sera)
potrebbero essere questi problemi a fare in modo che si manifestino questi la mia malattia?
spero che mi diano delle risposte o magari sapere dove in quale ospedale si possa andare.
io ho paura della mia vita

Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del26/10/2006

Un Infarto della silviana e il pregresso Ictus ischemico impongono di individuare e trattare tutti gli eventuali fattori di rischio vascolare quali Diabete mellito, Ipertensione arteriosa, ipercolesterolemia, sovrappeso, fumo di sigaretta, iperomocisteinemia, ecc.
In considerazione della Sua giovane età, consiglierei lo screening delle trombofilie ereditarie.
I problemi che Lei descrive non consentono di spiegare in modo efficace i pregressi episodi ischemici.

Segua con precisione i consigli dei Suoi medici.

Tanti saluti.


Dott. Massimo Muciaccia
Medicina Territoriale
Specialista in Neurologia
BARI (BA)


Altre risposte di Mente e cervello







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra