L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Mente e cervello

10/07/2006 01:02:16

Idrocefalo normoteso

Gentile Dott. Migliaccio, mia madre 76enne è affetta da idrocefalo normoteso, e da encefalopatia vascolare ischemica cronica. A seguito del complicarsi dei problemi motori e di Incontinenza , dopo una inutile sottrazione spinale di liquor (50 cc) è' stata operata tre settimane fà con l'applicazione di una derivazione liquorale ventricolo-peritoneale presso il Policnico Tor Vergata (Università Roma 2). Purtroppo il quadro clinico è peggiorato fortemente proprio a seguito dell'operazione; il neurochirurgo è arroccato su tesi di buon funzionamento della valvola, mentre i neurologi hanno preso atto della situazione, sebbene anche loro si ostinino a negare l'evidenza, che è quella di una regressione cognitiva - e quindi fisiologica - molto preoccupante. Non si è voluta effettuare neanche la risonanza magnetica dopo l'operazione, quasi a voler nascondere probabili errori. Insomma, abbiamo consegnato loro una persona pressochè normale e ci hanno restituito un involucro simile ad un vegetale. Noi crediamo, supportati dal parere di un amico neuropsichiatra, che sia successo qualcosa in fase chirurgica, molto probabilmente a seguito dell'anestesia generale. Comunque il quadro è del tutto drammatico, anche se ancora speriamo in una ripresa post-operatoria. Tra i farmaci in terapia ci sono Exelon, farmaci antidepressivi ed antiepilettici. Le sarei molto grato se volesse inviarmi un Suo parere in merito. Grazie.
e.v.


Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del14/07/2006

Non posso esprimermi perchè non posso valutare gli esami strumentali eseguiti, anche prima dell'intervento e soprattutto lo stato neurologico prima dell'intervento.
La diagnosi di idrocefalo normoteso dell'adulto si fa su base clinica e su determinati esami per lo studio della circolazione liquorale.
La Risonanza dopo l'intervento è d'obbligo, soprattutto se vi è un peggioramento dei sintomi,anche per valutare possibili complicanze dovute sia al posizionamente del catetere di derivazione sia a un funzionamento "troppo veloce" della valvola.
Mi faccia sapere
Cordialità ed auguri


Dott. Giovanni Migliaccio
Medico Ospedaliero
Specialista in Neurochirurgia
MILANO (MI)


Altre risposte di Mente e cervello







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra