L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Mente e cervello

12/09/2007 19:51:33

Improvvisa perdita della vista da un occhio

Ho bisogno di un vostro parere! 8 giorni fa ho perso improvvisamente la vista dall'occhio destro o meglio ho subito un calo della vista e mi è aparsa una macchia fissa.
Sono andata al pronto soccorso e pare che l'occhio non avesse nulla ,quindi mi sono state fate delle flebo di cortisone per 3 giorni ma io continuo ad avere lo stesso problema.
Ho fatto una risonanza magnetica che è risultata negativa ma mi è stato detto che non basta per escludere la sclerosi multipla.
Dovro' sottopormi ad angiografia ed altri accertamenti.
Io soffro spesso di vertigini, spossatezza e nausea e nonostatne abbia solo 39 anni mi è stata riscontrata la cornea gutta già dieci anni fa.
Si pensa quindi ad una sclerosi multipla.
Ma io mi chiedo : a quali altre patologie posso fare riferimento? non potrebbe essere un Glaucoma acuto? o qualcosa di meno grave?
Sono molto preoccupata.
E' ovvio che devo attendere pazientemente gli esiti degli esami, ma possibile che l'ipotesi più accreditata sia proprio questa terribile malattia neurologica?
Grazie

Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del15/09/2007

Gentile signora,

in base a quello che lei descrive, probabilmente è stata diagnosticata soltanto una neurite ottica retrobulbare.
Inoltre la RMN encefalo è risultata negativa e pertanto, al momento, non è il caso di pensare ad una Sclerosi Multipla . Tuttavia nell'ambito del ragionamento clinico devono essere prese in considerazione tutte le possibili patologie in grado di spiegare un determinato quadro sintomatologico e, pertanto, anche una S.M.
Fatta questa premessa, vorrei aggiungere che la Sclerosi Multipla non deve essere considerata una malattia "terribile" o incurabile poiché il 25 % dei pazienti presentano una forma benigna che non conduce a disabilità ed inoltre per tutti i restanti casi sono disponibili farmaci molto attivi che consentono di stabilizzare la malattia per molti anni. Consiglierei pertanto di allontanare l' Ansia e attendere con serenità la diagnosi dei medici.

Cordiali saluti e auguri.


Dott. Massimo Muciaccia
Specialista attività privata
Medicina Territoriale
Specialista in Neurologia
BARI (BA)


Altre risposte di Mente e cervello







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra