L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Cuore

05/12/2005 23:39:42

Incidente di moto

Caro Dottore mio fratello circa 20 giorni fà a causa di una caduta dalla moto oltre a vari traumi ha riportato la paresi del braccio dx (anche se la spalla la muove e sente la sensibilità fino a metà braccio) ma il resto dell'arto non lo sente proprio. A volte avverte dei formicolii e nulla più. La risonannza magnetica ha accertato che vi è un cumulo di sangue non ancora sciolto (tra il collo e l'inizio della spalla) con un allungamento dei tendini. Sembra che sia dovuto proprio all'utilizzo del casco che provoca questi danni. Siccome i sanitari hanno proposto di rimuovere questo sangue fermo e hanno valutato anche la possibilità della pericolosità del'intervento, Le chiedo, oltre al fatto che bisogna come hanno detto i medici aspettare almeno 40 giorni per vedere se ci sono dei miglioramenti, se è il caso di operare oppure appunto provare con altra terapia magnetica o di altra forma più sicura. Le chiedo se c'è un Centro in Italia ce effettua queste operazioni e se può fornirmi un suo parere in merito tenendo presente anche un suo consulto magari da vicino. La ringrazio enormemente. PinoCoppola

Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del15/12/2005

Gentile Sig. Coppola, quanto da Lei descritto farebbe pensare ad una lesione del "plesso brachiale", cioè delle radici dei nervi che vanno all'arto superiore. Una risonanza magnetica in genere può mettere in evidenza la lesione di una o più radici e la sua estensione. Le consiglio di far effettuare anche una elettromioneurografia, esame scarsamente invasivo e poco fastidioso che dimostra il funzionamento e lo stato dei nervi, da ripetere dopo due-tre mesi. In base ai risultati, se non vi sono segni di lesioni apparentemente permanenti, può aspettare fino ad un massimo di due-tre mesi per vedere se vi sono dei miglioramenti spontanei; in presenza di lesioni permanenti ed in assenza di miglioramento vi è l'indicazione ad un intervento chirurgico. In Italia vi sono vari centri che si occupano di questa patologia: può cercarli sul sito internet della Società Italiana di Chirurgia della Mano (www.SICM.it).
Cordiali saluti ed auguri per suo fratello.

Enrico Margaritondo
Chirurgo della Mano

Prof. Enrico Margaritondo
Casa di cura privata
Medico Ospedaliero
Specialista attività privata
Specialista in Chirurgia d’urgenza
ROMA (RM)


Altre risposte di Cuore







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra