L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Occhio

20/03/2008 03:49:38

Informazione

Salve dottore io sono un ragazzo che ha appena cmpito 18anni fin da piccolo ho una malattia agli occhi non so bene il nome perche non mi sono mai informato il sintomo:quando guardo un punto fisso le mie pupille si muovono velocemente destra e sinistra ho molti problemi nella vita e vorrei sapere se lei ne fosse a conoscenza di questa malattia e se sa di qualche cura aspetto la sua risposta grazie mille

Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del23/03/2008

Carissimo giovanotto,
lei ha un Nistagmo.
Il nistagmo in senso stretto è un movimento oscillatorio involontario dei globi oculari. Il fenomeno può avere base ereditaria, o derivare da lesioni all'apparato oculo-motore (vestibolare o apparato di fissazione), all'area del cervelletto o ai centri tronco-encefalici collegati alla oculo-motricità.

La classificazione è basata sul ritmo, che può essere pendolare o a scosse, e sulla direzione in cui avviene il moto.

Una forma di nistagmo può insorgere ai gradi estremi di rotazione dello sguardo anche in persone perfettamente sane, specialmente in caso di debilitazione o affaticamento.

Il nistagmo è il correlato soggettivo della vertigine labirintica.

Il nistagmo è dovuto alle varie connessioni anatomo-funzionali tra le vie vestibolari e i centri oculo-motori (retti interni ed esterni) soprattutto attraverso il fascicolo longitudinale mediale. Il nistagmo vestibolare propriamente detto è composto da una successione alternata di 2 fasi, una fase lenta e una fase rapida di riaccomodazione.

Il piano secondo cui «batte» il nistagmo (orizzontale, verticale, obliquo, rotatorio, ecc.) dipende da molteplici fattori e principalmente dal distretto interessato e nell'ambito delle alterazioni labirintiche, dal canale semicircolare interessato (trovandosi i 3 canali disposti su tre assi differenti). Nelle alterazioni labirintiche è comunque il canale semicircolare laterale quello predominante sia in fase irritativa, quindi iperfunzionante, sia in fase degenerativa, quindi ipofunzionante; il nistagmo quindi sarà quasi sempre orizzontale. Il nistagmo è regolato dalla III legge di Ewald. La scossa lenta, movimento lento e coniugato degli occhi, vero movimento attivo in direzione del lato ipofunzionante è più difficile da esplorare proprio per la sua estrema lentezza, mentre il movimento rapido, che ha una funzione semplicemente di ritorno quindi passiva, è più facile da esplorare e batte ovviamente verso il lato opposto. In diagnostica quindi quando si descriverà la direzione del nistagmo si indicherà quella della fase rapida che, come si è detto, batterà nelle sindromi vestibolari vere verso il lato iperfunzionante (o normalmente funzionante se il lato opposto è deficitario). II nistagmo quindi potrà essere distinto a seconda di alcune caratteristiche fondamentali:

a) secondo il piano spaziale delle scosse (orizzontale, verticale, rotatorio, misto);
b) secondo la velocità delle scosse: bifasico, quello più comune, cioè con fase lenta e fase rapida, pendolare con uguale durata delle due scosse (in genere congenito o legato ad alterazioni extra-vestibolari);
c) secondo la posizione degli occhi in cui compare (primo grado: compare ad occhi fatti deviare verso la direzione della fase rapida; secondo grado: compare ad occhi rivolti in avanti; terzo grado: compare ad occhi fatti deviare verso il lato della fase lenta);
d) secondo il numero di scosse al minuto e secondo la durata o tempo di esaurimento complessivo delle scosse (sarà continuo nel caso si tratti di nistagmo spontaneo, avrà una durata caratteristica se sarà indotto strumentalmente o con manovre particolari).
Tutto il corpo comunque e soprattutto gli arti tenderanno a deviazioni e movimenti attivi, soprattutto se sollecitati artificialmente, nella stessa direzione della scossa lenta quindi verso il lato meno funzionante.

Un personaggio celebre affetto da questo sintomo è l'attore statunitense Pruitt Taylor Vince.
Nella maggior parte dei casi quindi il nistagmo è connatale e dura tutta la vita senza creare spesso grossi problemi.
Un saluto.
http://siravoduilio.beepworld.it


Dott. Duilio Siravo
Specialista attività privata
Specialista in Oftalmologia
PISA (PI)


Altre risposte di Occhio







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra