L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Mente e cervello

27/10/2005 16:51:19

Informazioni e cura

Buon giorno sono un signore di 42 anni vorrei un consiglio
da parere esperto da molto tempo soffro di disturbi che vorrei far analizzare da voi anche se da altrettanto tempo ho cercato di guardare dentro me stesso e leggere qualche libro per capirci quallcosa credo che il mo problema sia un misto di affettivita' alterata familiare insoddisfazione vitale e lavorativa forse tutto cio' col tempo ha provocato ansia depressione malattia esistenziale che a catena si sono riversate sul mio carattere e personalita' non dandomi lo slancio vitale l' energia e purtroppo le sintomatiche disadattanti.i miei sintomi sono sempre stati ansia somatizzata sullo stomaco con acidita' poi dallo stomaco o forse dalle innervazioni dello stomaco direttamente sul tratto cardiaco cn extrasistolia diffusa a periodi di maggior strss e di cambi stagione,poi debolezza psichica con difficolta' concentrazione poca resistenza a stress mentale le idee e soprattutto la memoria hanno davvero serie difficola' a concatenarsi a creare associazioni mentre parlo non riesco a finire un discorso percho vorrei dire delle cose ma la memoria non mi fa' trovare la parole giusta al discorso e' davvero molto molto fastidioso forse a causa di queste difficolta' psichiatriche e aumentata la mia sensibilita' intuitiva mi accorgo di intuire piu' velocemente di altri e capisco concetti complessi anche se non rriesco ad esprimerli a paroole e la mia capacita' di autoanalisi e' molto forte e spesso ci prendo forse e' una fisiologica compensazione di disturbi della sfera razionale compensati con sensibilita' emotiva e intuitiva non so'sicuramente ne saprete piu' di me questi disturbi sono menomanti sulla sfera della socialita' perche' mi provocano ansia e difficolta' ad affrontare verbalmente dei discorsi so di capire ma le sintomatiche non mi permettono di esprimere come vorrei i miei discorsi non e' certo una fobia ma veramente disadattante soprattutto per i disturbi di memoria e' da molto tempo che li ho non incidono sulla sfera generalizzata dei ricordi ma certo non e' il mio forte memorizzare e ricordare forse a causa della bassa tensione concentrativa certe volte sembra che mi brucia tutta la parte frontale del cervello quella sopra agli occhi e' quasi bloccata nrallentata nei pensieri nelle arole nel ricordo chissa se sintomatica collegata a depressione ansiosa di certo vi assicuro non sono ipocondriaco, non mi faccio molti problemi e se li faccio perche sento fastidiosi sintomi,mia madre ha sofferto di depressione ansiosa ma non ha avuto problemi di parole adesso a 75 anni gli e' stata diagnosticata un leggero grado di halzaimer sulla memoria a breve e non sulla memoria lunga cioe' ripete piu' volte le cose dette poco tempo prima perche non le ricorda neanche se gliele' diciamo noi lei e' stata in cura da 20 anni con cure per annsia e depressioni e non vorrei che invece di alzhaimer sia solamente un disturbo di circolazione carotidea di cui soffre da tempo in modo lieve causa colesterolemia o semplice decadimento intellettivo in vecchiaia concausa tutte le cure fatte ora comunque e' in cura con ariceptin, se fosse la diagnosi di leggera alzahimer potrebbero i miei sintomi esserne geneticamente collegati o un inizio?chissa' dove inizia l' uovo o la gallina? cioe' se tutta la problematica psichiatrica affettiva stressogena si la causa o la concausa dell' alzaimer?che dicono di carattere genetico.mah comunque potreste darmi un cnsiglio e se esiste una cura per alleviare questi disturbi sul linguaggio e sulla memoria? ho fatto cure di molti antidepressivi per lungo tempo senza effetto associati a ansiolitici potete consigliarmi cura adeguata sono gia stato senza effetto da psichiatri e psicologi grazie

Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del01/11/2005

Mi sembra di capire che lei si è già rivolto a specialisti: come sa non è possibile fare diagnosi e tanto meno prescrivere cure sulla base di una lettera, perciò mi limiterò ad osservazioni di carattere generale.
Probabilmente lei soffre di un disturbo di tipo bipolare, cioè che alterna momenti di Depressione anche somatizzata a momenti di grande vivacità del pensiero.
La difficoltà a memorizzare e a trovare le parole dipende proprio da questa eccessiva velocità interna che è sfasata rispetto alla possibilità concreta di linguaggio.
Credo che dovrebbe orientarsi, oltre che su eventuali farmaci per l' Ansia e la depresisone, anche su uno stile di vita che l'aiuti a trovare una maggiore calma interna. Ha mai provato a fare yoga, o tecniche di rilassamento e meditazione?

Dott.ssa M.Adelaide Baldo
Specialista attività privata
Specialista in Psicologia
BRESCIA (BS)


Altre risposte di Mente e cervello







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra