L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Mente e cervello

13/02/2007 11:16:37

Insonnia

Mi chiamo Roberta e ho 43 anni, per sette anni ho lavorato presso una pizzeria,spesso terminavo il mio turno di lavoro all'una e mezza, due.la notte la passavo sempre insonne.tutt'ora da circa un anno ho lasciato questa attività per intraprenderne una più leggera la cameriera in un ristorante.Purtroppo non riesco neanch'ora oggi ha dormire come vorrei.dormirò due ore in tutta la notte.sto veramente male perchè non riesco a vivere la giornata come vorrei.non sono afflitta da nessun tipo di preoccupazioni,la mia vita la svolgo in maniera regolare.mi dia qualche consiglio per poter finalmente dormire.grazie.

Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del16/02/2007

Gentile utente,

A causa del lavoro notturno di sette anni, si è verificata una alterazione del ritmo del sonno, la cosiddetta "sindrome del ritardo di fase del sonno". Deve considerare, infatti, che il nostro orologio biologico ipotalamico si sincronizza su determinati ritmi che non è semplice modificare in modo improvviso.
E' necessario tentare di regolarizzare il sonno rispettando determinate norme di "igiene del sonno" ed associando una eventuale terapia con un farmaco ipnoinducente e melatonina, per cicli di trattamento di 20 - 30 giorni.
Tuttavia non è sempre facile raggiungere l'obiettivo di equilibrare il ritmo sonno-veglia in breve tempo.
Consiglierei una visita presso un Centro di medicina del sonno.

Tanti saluti.


Dott. Massimo Muciaccia
Specialista attività privata
Medicina Territoriale
Specialista in Neurologia
BARI (BA)


Altre risposte di Mente e cervello







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra