L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Alimentazione

06/01/2005 18:31:06

Integratori

Conviene prendere un integratore a basso dosaggio
anche mangiando bene visto le tecniche di conservazione
industriali che depauperano il patrimonio vitaminico dei cibi

Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del09/01/2005

In base alla personale esperienza clinica di 47 anni., affermo che non possiede, in realtà, una connotazione scientifica, la domanda del tipo "Sono necessari gli integratori, dal momento che la dieta odierna è compromessa da una conservazione del cibo desolantemente insufficiente?". In realtà, noi non siamo ancora abituati a ragionare nel senso della SPBM (Single Patient Based Medicine, ma soltanto suffragati dai dati della EBM (V. Stagnaro S., Stagnaro-Neri M., Single Patient Based Medicine.La Medicina Basata sul Singolo Paziente: Nuove Indicazioni della Melatonina. Travel Factory SRL., Roma, 2004. http://www.travelfactory.it/semeiotica_biofisica.htm ed il sito HONCode, www.semeioticabiofisica.it, Costituzion e SPBM). L'unico integratore ...è l'acqua pura e semplice, che esiste ancora, fortunatamente! Un solo esempio: un individuo, alimentato secondo la dieta mediterranea, con un peso reale adeguato a quello ideale, e che presenti alla visita medica Semeiotico-Biofisica una ossigenzione tessutale nella norma (che il medico può facilmente accertare nel corso di un esame obiettivo), entro valori fisiologici anche durante le numerose prove dinamiche (V. nel sito citato e Bibliografia) NON ha assolutamente bisogno di NIENTE, nonostante il martellamento dei mass-media, finanziato da grandi industrie. Un ottimo medico-sportivo affermerà allo sportivo (e non) di bere acqua come unico "integratore"!
Ovviamente, la dove c'è una sindrome carenziale, diagnosticata clinicamente (Stagnaro Sergio, Stagnaro-Neri Marina. Introduzione alla Semeiotica Biofisica. Il Terreno oncologico”. Travel Factory SRL., Roma, 2004. http://www.travelfactory.it/semeiotica_biofisica.htm), sarà il medico a prescrivere ciò che manca, nella corretta posologia e controllando il tutto con il monitoraggio clinico semeiotico-biofisico. In poche parole, bisogna iniziare a parlare della nuova semeiotica fisica e di Medicina centrata sul singolo malato e non soltanto di esami e macchinette! Se non lo fa il Ministro Prof.G. Sirchia e neppure le competenti Autorità, lo possiamo fare noi clinici ...magari ...in pensione.

Dott. Sergio Stagnaro
Specialista attività privata
SESTRI LEVANTE (GE)


Risposta del12/01/2005

Gentile Signore,

Pur avendo una notevole considerazione dei vari integratori attualmente in commercio, nel suo caso non vedo la ragione di assumerli visto che la sua dieta, a quanto mi è dato di capire, contiene tutti i principi nutritivi necessari.

Cordilai saluti

Dott. Luciano Casaretti
Specialista attività privata
NAPOLI (NA)


Altre risposte di Alimentazione







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra