L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Cuore

07/10/2005 20:10:49

Intervento chirurgico al polmone?

Mia suocera, 76enne in buono stato di salute, durante una csuale radiografia polmonare rileva un nodulo al polmone, per cui inviata alla TAC toracica si rileva: "presenza a livello del segmento dorsale del LSD di nodulo di 15mm, a margini irregolari e spiculati, per i quali non è possibile escludere la natura primitiva. Presenza di altre due nodularità parenchinali millimetriche a livello del segmento ventrale del LSD (imm101) e del segmento basale laterale del LID (imm74 ), Linfonodo lievemente aumentato di volume a livello della loggia del Barey".
Una successiva TAC a liquido di contrasto effettuata successivamente con apprecchio a maggiore risoluzione si conferma la presenza del nodulo ma non delle due nodularità parenchinali.
A vostro avviso adesso è meglio rivolgersi ad un oncologo o ad un chirurgo toracico per la possibile asportazione del nodulo di qualsiasi tipo tumorale sia?
E'rischioso l'ago aspirato per la possibilità di mettere in circolo cellule malate?
Grazie


Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del10/10/2005

La Chirurgia toracica viene praticata in centri di alta specializzazione.
Se vi è il sospetto di lesione neoplastica l' iter diagnostico terapeutico, in tali centri, viene proposto al paziente dopo discussione congiunta tra chirurgo ed oncologo. Al momento della richiesta del consenso le verrà fornita ogni informazione sul rapporto tra rischi e benefici di quanto le viene consigliato. Si accerti di aver capito bene, prima di accettare, ed in caso qualcosa non fosse chiaro non esiti a dirlo.

Dott. Stefano Alice
Medicina generale convenz.
Specialista attività privata
Specialista in Chirurgia generale
GENOVA (GE)


Risposta del10/10/2005

La Chirurgia toracica viene praticata in centri di alta specializzazione.
Se vi è il sospetto di lesione neoplastica l' iter diagnostico terapeutico, in tali centri, viene proposto al paziente dopo discussione congiunta tra chirurgo ed oncologo. Al momento della richiesta del consenso le verrà fornita ogni informazione sul rapporto tra rischi e benefici di quanto le viene consigliato. Si accerti di aver capito bene, prima di accettare, ed in caso qualcosa non fosse chiaro non esiti a dirlo.

Dott. Stefano Alice
Medicina generale convenz.
Specialista attività privata
Specialista in Chirurgia generale
GENOVA (GE)


Altre risposte di Cuore







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra