L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Salute maschile

10/05/2007 22:35:16

Intervento turp

Egregio dottore,
sono un paziente operato di TURP il 7 marzo scorso per ipertrofia prostatica benigna.
Dimesso dall'ospedale dopo 7 giorni (di cui 6 con il catetere a tre vie) sono dovuto rientrare il 19/3 per ematuria. E' stato riposizionato di nuovo il catetere a tre vie con ripetute cistolusi e rimosso il 23 con urine chiare da minzione spontanea.
Mi è anche stato controllato il residuo postminzionale due volte con un apparecchio con risultati 10 ml e
20 ml. e fatto un uroflusso : quantità di urina di 380 ml ma con residuo di 100 ml.
Dal 7 marzo fino al 30 marzo ho preso ciproxin 250mg (e seleparina ).
Io ho ancora i seguenti disturbi :
durante o subito dopo la minzione per circa ½ minuto ho un dolore (sopportabile) che si irradia dal basso pube fino all'orifizio uretrale e che comunque è diminuito di intensità e, dopo, ho ancora la necessità di 2-3 getti di urine.
Inoltre ho necessità di urinare abbastanza spesso e, se è passato un po’ di tempo dall’ultima minzione, (mezz’ora-un’ora) “sento” o uso l’acqua, ho un forte stimolo ad urinare ( che, però, riesco a trattenere anche se a fatica). Capita, a volte, che dopo tale “sforzo”ci sia all’inizio del getto urinario una “leggera colorazione”.
Una recente urinocoltura , su proposta del medico di base, ha dato esito negativo.

Ciò che desiderei sapere è :
+) se questo è normale a distanza di due mesi dall'intervento, 45 giorni "dalla ricaduta".
+) quando dovrò eventualmente ritenerlo "non normale" e farmi visitare ?

RINGRAZIANDO , BUON LAVORO E GRAZIE.


Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del13/05/2007

Caro lettore ,
interventi endoscopici sulla prostata come quello da lei fatto , possono in alcuni casi avere le complicanze da lei riferite . In questi casi la monitorizzazione dell'urologo che l'ha operata deve avere un solerte continuità nel tempo, fino a problema risolto.
Un cordiale saluto.

Dott. Giovanni Beretta
Specialista convenzionato
Specialista attività privata
Specialista in Andrologia
Specialista in Ginecologia e ostetricia
Specialista in Urologia
MILANO (MI)


Altre risposte di Salute maschile







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra