L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Occhio

27/09/2008 00:38:21

Iperemia, reazione pericheratica, abrasione e infiltrati corneali

All'eta di 16-17 anni (ne ho 29) i miei occhi hanno iniziato ad accusare segni di miopia, molto probabilmente a causa dello sforzo per leggere la lavagna durante le ore di lezione, in quanto il gesso non si imprimeva bene sull'ardesia ed io stringevo gli occhi per vederci meglio, fino ad allora mai avuto problemi.
Iniziai ad usare le lenti a contatto morbide, inizialmente sforavo ripetutamente dal massimo di ore consentite al loro utilizzo, le applicavo alle 7 di mattina e le toglievo alle 22 tranne il fine settimana.
Sono andato avanti con questo ritmo sino alla fine del liceo, poi le utilizzavo solo per uscire di casa, nelle uscite serali o per guidare la macchina, in casa utilizzavo gli occhiali.
Nel periodo primaverile/estivo mi si formava una sorta di siero, anche di notte, cosa che prima non mi era mai successa e che però dopo circa cinque anni ha smesso.
Nonostante l'uso sconsiderato, non ho mai patito nulla e sono sempre stato bene.
All'incirca due anni fa (ormai nel piedo del periodo di uso moderato delle lenti) mi sveglio, mi lavo, indosso le lenti e dopo una frazione di secondo l'occhio sinistro inizia a bruciare come il fuoco di mefisto, tolgo la lente, sciacquo con l'acqua ma l'occhio resta arrossato e mi accorgo, spece guardando una luce, che c'è un leggero velo di nebbia. Mi faccio visitare al pronto soccorso e scopro di avere una Cheratite. La curo con gli antibiotici che mi avevano datto e smetto con le lenti per qualche settimana, dopo di che riprendo il normale utilizzo.
Trascorrono due anni e giovedi alle 17 inizia a farmi male l'occhio sinistro, avverto un leggerissimo bruciore tipo da occhio stanco alla sera. Rientro a casa, come al solito tolgo le lenti e indosso gli occhiali. L'occhio fa sempre più male ma non brucia, è come avere un muscolo indolenzito, mi accorgo anche che diventa sempre più sensibile alla luce più tempo trascorro con l'occhio chiuso.
Vado a dormire e alle 3.30 di notte mi sveglio perchè l'occhio era gonfissimo e lacrimava come se stessi piangendo a dirotto.
Arrivo al pronto soccorso e vengo visitato:

OD: lieve iperemia congiuntivale. Lieve disepitelizzazione corneale.
OS: Iperemia congiuntivale e reazione pericheratica. Abrasione corneale. Piccoli infiltrati corneali.

Durante la visita all'occhio sx, sento anche parlare di un "pò di siero" non mi vengono date spiegazioni sul "come, perchè" nella visita non so cosa mi mettono nell'occhio ma al ritorno riesco a guidare con l'occhio sx aperto e la visuale nitida.
Devo prendere Xanterrnet su entrambi gli occhi e Oftaquix sul sinistro e naturalmente sospendere l'uso delle lenti.
Due giorni di prognosi, cinque di cura per l'occhio dx e dieci per l'occhio sx.
Giovedì sono praticamente cieco dall'occhio sinistro, quando riesco ad aprirlo con le dite e quasi al buio, vedo tutto bianco, poi fortunatamente grazie alle medicine, il bianco diventa nebbia e adesso è quasi svanita.

In mezzo a tutto ciò io vorrei capire: perchè?
Le lenti erano pulite, non erano nuove ma nemmeno scadute, perchè la sintomatologia era così differente dalla prima volta e sopratutto decisamente più devastante? com'è possibile che all'improvviso ti esploda nell'occhio una "bomba virale"?
A cosa è dovuta l'abrasione e gli infiltrati?

E dai 16 anni che aspetto di potermi operare agli occhi, ho sempre saputo che dovevo aspettare che la vista si stabilizzasse, invece la mia non si stabilizza mai, ho cominciato con la miopia e sono finito con il diventare anche astigmatico e quando penso che si sia tutto stabilizzato, mi sveglio la mattina e mi accorgo che con un occhio ho perso altre diottrie, in più l'episodio di due anni fa e quest'ultimo mi fanno pensare che i miei occhi non incroceranno mai il laser.

Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del30/09/2008

Carissimo,
intanto non bisogna mai perdere la speranza!
Da quanto descritto non si riesce a sapere il vero stato anatomopatologico dell'epitelio corneale e/o dello stroma!
Dobbiamo fare uno studio topografico corneale(TOPOGRAFIA CORNEALE),pachimetrico(PACHIMETRIA CORNEALE) aberrometrico(ABERROMETRIA CORNEALE),una tonometria(PRESSIONE ENDOCULARE) per verificare se esistono controindicazioni assolute e/o relative all'intervento laser!



Un caro saluto.
siravo@supereva.it
http://drsiravoduilio.beepworld.it
http://www.beepworld.it/members/drsiravoduilio/
http://siravoduilio.it.gg

Dott. Duilio Siravo
Specialista attività privata
Specialista in Oftalmologia
PISA (PI)


Altre risposte di Occhio







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra