L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Salute maschile

30/11/2004 13:15:35

Ipertrofia prostatica

Salve, mi è stata diagnosticata una ipertrofia prostatica benigna con l'ecografia transrettale(dimensioni 4,7mm, 5,2mm e 4,2mm). Vorrei qualche chiarimento se possibile. Da circa un anno mia moglie (che adesso abbiamo scoperto con il diabete che sta curando), aveva forti bruciori e prurito alla vagina con perdite bianche che ha curato con Daktarin crema. Nello stesso periodo io avevo bisogno di urinare spesso. I sintomi si erano interrotti ma da due mesi ho continuo bisogno di urinare anche di notte. Gli esami da me fatti (spermiocoltura, urinocoltura e urine ha evidenziato solo presenza di leucociti e alcune colonie di stafilococco non patogeno, mentre clamidia, micoplasmi, tricomonas sono negativi con i metodi tradizionali di esami). Con il tampone vaginale a mia moglie è stato trovato l'ureaplasma urealiticum che adesso sta curando con iosalide 1g. Io sto curando l'ipertrofia prostatica con Ibiprovir 2 mg e permixon 320 mg; gli effetti si sono ridotti ma di notte mi devo alzare lo stesso. E' possibile che anch'io possa avere questo batterio non evidenziato con gli esami tradizionali e sia responsabile della mia prostatite? Ho anche fatto l'antibiotico per 5 gg Chinoplus 600mg, senza risultati. Ho 53 anni, cosa devo fare, per favore mi dia un consiglio. Grazie infinite.

Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del03/12/2004

Alcune volte una normale spermiocoltura non permette l'identificazione dei batteri responsabili di una infiammazione delle vie seminali e della prostata. In questo caso può essere utile eseguire il test di Meares -Stamey che prevede una valutazione citologica e colturale sul secreto prostatico e su alcuni campioni di urina presi prima e dopo il massaggio diretto della prostata. Cordiali saluti. Dr. Giovanni Beretta andrologo urologo.

Dott. Giovanni Beretta
Specialista convenzionato
Specialista attività privata
FIRENZE (FI)


Altre risposte di Salute maschile







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra