L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Salute maschile

14/03/2008 08:23:47

Ipertrofia prostatica

Buon giorno Dottore
Scrivo per conto di mio padre il quale ha 66 anni di età e fin dal 2001 è in cura per : valori alti e discontinui del PSA (vedi diagramma allegato).
In questi anni mio padre ha compiuto molti controlli, ecografie – flussometrie – colonscopie – e due biopsie prostatiche che, come diagnosi ha dato i seguenti risultati:
2003 – Ipertrofia prostatica benigna
2005 – iperplasia adenoleiomiomatosa, con focolai di prostatite cronica interstiziale in “A”.

Nel frattempo mio padre ha seguito le seguenti terapie:
2004 – TANANIC + PEFLOX (con n. 2 visite specialistiche)
2005 – PEFLOX (con n. 2 visite specialistiche)
2006 – LEVOXACIN + AVODARD (con n. 2 visite specialistiche)
2007 – BACTRIN + IPERTROFAN (con n. 3 visite specialistiche)
2008 – IPERTROFAN 1 mese si, uno no, fino a 6 mesi (con n. 1 visite specialistiche).

Da sempre, mio padre non soffre di alcun tipo di disturbo (bruciore, perdite, ritenzione, dolori, ecc.).

Il motivo per cui chiedo un Vs. gentile consiglio, risiede nel fatto che mio padre ha una passione sfrenata per il ciclismo da strada, tanto che, fino a marzo 2007, percorreva circa 300 Km/settimana, per un totale di 7500-9000 Km/anno.

L’urologo che da anni lo segue, gli ha “ordinato” lo stop sine die.

Al di la del fatto che lo sport è comunque un’attività sana, a mio padre è stata tolta la sua passione che, alla sua età, assume i aspetti molto importanti dal momento che la vita del pensionato non offre grandi motivi di passione…..

Chiedo pertanto un vostro consiglio sullo stop impostogli; con il quadro clinico prospettato, è davvero il caso di fermarlo, oppure è possibile continuare, magari con alcune limitazioni ?.

Mille grazie per l’interessamento.

S.Z. - Padova



Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del16/03/2008

Caro lettore ,
il mio consiglio è di non far interrrompere nessuna attività ginnica. Ci sono oggi in commercio, per chi pratica lo sport della bicicletta, numerosi tipi di selle con gel ed altro che possono alleviare il "problema prostata".
Ne riparli con il suo urologo.
Un cordiale saluto.
www.andrologiamedica.com


Dott. Giovanni Beretta
Specialista convenzionato
Specialista attività privata
Specialista in Andrologia
Specialista in Ginecologia e ostetricia
Specialista in Urologia
MILANO (MI)


Altre risposte di Salute maschile







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra