L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Sessualità

24/02/2005 11:43:54

IPERTROFIA PROSTRATICA

BUONGIORNO, NEL SETTEMBRE DEL 2004 HO SCOPERTO DI AVERE UN'IPERTROFIA PROSTRATICA,DOPO UN'EGOGRAFIA TRANRETTALE RISULTATO, GHIANDOLA PROSTRATICA AUMENTATA DI VOLUME MISURA:MM.43 X 28 X 37 X UN VOLUME DI CA. 24 CC, ED UN PESO DI CA.18 GR.TERZO LOBO AGGETTANTE NEL LUME VESCICALE. (CONGESTIONE IN ATTO).DOPO UNA CURA DI DUE MESI CON PRADIF 0,4 MG. HO RIFATTO L'ECOGRAFIA TRANRETTALE CON QUESTI RISULTATI: GHIANDOLA PROSTRATICA AUMENTATA DI VOLUME MM.49 X 31 X 38 X UN VOLUME DI CA. 28 CC. ED UN PESO DI CA. 20 GR. NON SI OSSERVANO PIù SEGNI RIFERIBILI A CONGESTIONE (CAPSULA INTEGRA).HO CONTINUATO CON LA TERAPIA PRADIF 0,4 MG. PERO' AVEVO SEMPRE DEI DOLORI SPECIALMENTE PRIMA E DOPO IL RAPPORTO SESSUALE,RIVOLGENDOMI AL MIO MEDICO MI HA PRESCRITTO, AVODART 5 MG.UNA AL GIORNO DOPO VENTI GIORNI SONO MOLTO MIGLIORATO,LA MIA DOMANDA:FINO A QUANO DOVRO' PRENDERE PRADIF COME PURE AVODART.SALUTI E GRAZIE.

Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del02/03/2005

Sono terapie che generalmente vengono assunte per lunghi periodi di tempo e necessitano continuo monitoraggio da parte dello specialista urologo. Cordiali saluti.

Dott. Giovanni Beretta
Specialista convenzionato
Specialista attività privata
Specialista in Andrologia
Specialista in Ginecologia e ostetricia
Specialista in Urologia
FIRENZE (FI)


Altre risposte di Sessualità







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra