L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Mente e cervello

05/05/2008 22:08:01

Ipodensità della sostanza bianca

Gentile dottore la neuropsichiatra in seguito alla diagnosi di lieve dimenticanze di mia madre di anni 75 ipertesa da post menopausa e intollerante agli idrati di carbonio ha prescritto una tac.All'esame è stato riscontrato:sistema ventricolare in sede non dilatato nè deformato.Appena ampi gli spazi liquorali delle convessità fronto-parietali e peri-silviani.Regolare morfologia delle strutture encefaliche.Accentuazione dell'ipodensità della sostanza bianca sovra-tentoriale,da fenomeni di sofferenza ipossica cronica, senza apprezzabili alterazioni focali.Per cortesia mi può spiegare di cosa si tratta e se esiste una cura per prevenire.Tale patologia potrebbe portare un rischio di demenza e se curata si può arrestare.La neurologa le ha prescritto dei flaconcini di ESTE;Dice che possono rafforzare la memoria ma io ho letto che sono per la circolazione e quindi non riesco a capire.Comunque a un certo punto ho dovuto sospendere i flaconcini poichè mia madre lamentava all'assunzione di essi male alla fronte e a volte battiti accellerati per qualche minuto.Mi può dire lei a cosa servono queste fiale e se effettivamente sono nocive per un anziano?Premetto che mia madre assume oltre alla terapia per l'ipertensione anche cardirene e statine.La prego mi aiuti.

Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del08/05/2008

Premettendo che non è possibile dal solo esame neuroradiologico fare una diagnosi, le alterazioni evidenziate alla TAC sono segno di una vasculopatia cerebrale ovvero di danni vascolari legati a diversi fattori di rischio quali l' Ipertensione arteriosa.I farmaci prescritti possono aiutare in quanto possono stimolare le funzioni cognitive, se tollerati.La prevenzione risiede proprio nel trattare i fattori di rischio quali l' Ipertensione e nell'utilizzo di farmaci antiaggreganti e di statine che sua madre già assume.
Cordiali saluti.
Dr. Giuseppe Bonavina
giuseppe.bonavina@libero.it

Dott. Giuseppe Bonavina
Medico Ospedaliero
Specialista convenzionato
Specialista in Neurologia
IMOLA (BO)


Altre risposte di Mente e cervello







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra