L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Mente e cervello

16/05/2005 11:30:50

Ischemia transitoria

Buongiorno mio padre dopo 3 corse al pronto soccorso di un grande ospedale milanese per sintomi strani eruzioni cutanee. gli aìhanno riscontrato il fuoco di s. antonio. poi dopo solo due pastiglie.il giorno dopo non muoveva piu il braccio ore e ore al pronto soccorso. e poi a casa , la mattina altra corsa avevad egli esami del sangue da fare, ma non si reggeva in piedi pressione molto alta.. paralisi di un braccio e la gamba destra subito tac ..ischemia.volevano mandarmelo a casa noi figli con insistenza li abbiamo obbligati al suo ricovero. adesso dopo 4 gg. e li..non sanno ancora cosa sia certo non il fuoco di s. antonio.. l'eschemia c'e stata leggera ma non ha forza nel braccio , mio padre diabetico mellito da un anno circa 10 mesi fà intervento aneurisma ( torace aperto ))) e vero a 78 anni.. ma perche dico io non lo hanno trattenuto subito magari l'ischemia e stata causata dalle medicine che no doveva pprendere...addirittura dicono che può essserci un'intossicazioni di farmaci o addirittura una puntura di insetto tipo zecca..ma a quali mani siamo messi?????
non sanno neanche loro che dire....sono cosi delusa da tutti i medici..e mai possibile che succeda tutto ciò, la vita di una persona anziana e cosi inutile???

Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del27/05/2005

Cara signora,
Se Lei è delusa da tutti i medici, perchè si rivolge ai medici?
Suo padre ha avuto una ischemia cerebrale che gli procura la paralisi degli arti di destra che mi par di capire sta migliorando.
Non credo che l' Herpes zoster (Fuoco di S.Antonio) si responsabile dell'ischemia. Il ricovero può essere necessario per fare qualche accertamento clinico, ma Suo padre ha bisogno di un Centro di Riabilitazione e di farmaci che dovrà assumere a vita, tranquillamente a casa sotto il controllo del suo medico.
Si tranquillizzi: la maggior parte dei medici si adopera costantemente per il bene dei pazienti affidati alle loro cure.
Cordialità ed Auguri

Dott. Giovanni Migliaccio
Medico Ospedaliero
Specialista in Neurochirurgia
MILANO (MI)


Altre risposte di Mente e cervello







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra