L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Occhio

18/09/2008 20:41:00

Laser e farmacia

Vado spesso in farmacia e vorrei sapere se lo strumento (emette una luce rossa) che che usano i farmacisti per vedere il prezzo dei farmaci è un laser.
Succede spesso che questo strumento viene alzato verso il cliente e io ho una gran paura di rovinarmi la retina.
Se possibile vorrei la risposta anche nella mia email.
Grazie

Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del21/09/2008

Carissimo,
laser a scansione ( o laser scanner) o lettori di codici a barre sono dispositivi ottico-meccanici capaci di emettere un impulso elettromagnetico (il laser) e di ricevere il segnale riflesso, misurando l'intervallo di tempo trascorso e quindi la distanza tra lo strumento ed il punto rilevato. Il raggio laser viene deflesso mediante un meccanismo di specchi rotanti ed oscillanti che con il variare dell'angolo azimutale e zenitale, illumina il terreno in punti contigui. Questo sistema opera misurando anche migliaia di punti al secondo formando delle "nuvole di punti". Per ogni misurazione (x,y,z), il sistema fornisce l'intensità del segnale di ritorno descrivendo la superficie dell'oggetto scansionato.
Lo strumento lavora al micron, perciò bisognerà evitare le vibrazioni causate dall'esterno. La precisione dello strumento varia al variare della distanza e dell'angolo di incidenza del raggio ed è data dalla combinazione di tutti gli errori insiti nel sistema. Tanto più accurata deve essere la scansione, tanti più punti ravvicinati saranno posti a scansione.
Filtri: vengono applicati per risolvere situazioni di probabili anomalie; essi producono una media dei punti scansionati riducendo l'errore provocato da vibrazioni.
I laser vengono suddivisi in cinque classi di sicurezza:

1: intrinsecamente sicuri
2: non intrinsecamente sicuri ma non creano notevoli problemi
3A: non bisogna osservare lo strumento
3B: la visione diretta del fascio non è sicura
4: sono i più potenti e i più pericolosi
Ovviamente qelli della fattispecie appartengono quasi tutti al gruppo 1,raramente il 2-
QUINDI NON ESISTONO PROBLEMI!!!!!

Un caro saluto.
siravo@supereva.it
http://drsiravoduilio.beepworld.it
http://www.beepworld.it/members/drsiravoduilio/
http://siravoduilio.it.gg


Dott. Duilio Siravo
Specialista attività privata
Specialista in Oftalmologia
PISA (PI)


Altre risposte di Occhio







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra