L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Infezioni

18/07/2006 16:33:44

Linfoadenopatia

Mi rivolgo a voi perche circa 40 giorni fa ho avuto una forte faringite con interessamento delle corde vocali,e relativa perdita di voce,grosso edema della gola sia centralmente che gonfiore latero cervicale, il tutto curato con amoxicillina 2g giorno 2 antinfiammatori per 6 gg e antipiretici in quando la febbre è arrivata anche a 39,5 .
passata la fase acuta è rimasto l'edema che si è rilevato ,dopo ecografia ,un ingrossamento dei linfonodi latero cervicali 17mm a sx e 20 mm a dx e 13 mm centralmente . batteria di analisi a partire da ortopanoramica ,negativa,e gli unici esami non negativi sono emersi PCR 13,9, ves 20, tas 275 , asma 1:40 debolmente positivo, e le sottopopolazioni linfocitarie CD3+ 49,94 %rispetto a 55%valore minimo il rapporto cd4+/cd8+ 2,60 rispetto a 2, e i linfociti nk lievemente alti ,tampone faringeo negativo ,tampone tonsillare spremuta negativo, prima di fare le analisi ho fatto 7 ingnezioni di rocefin e cortisone 20mg ,una al giorno per 7 giorni e dopo 8 giorni di pausa il prelievo del sangue , visita otorino senza riscontri negativi o evidenze, tutti gli altri esami nella norma HIV negativo , emocromo, cito , monotest, autoimmuni ana ecc....
vorrei sottolineare che soffro di una tiroidite autoimmune con tsh generlmente alto circa 5 e anti tg 400 - 600 ,ma nell'ultimo esame tsh 0,27 e anti tg 360, tale sospetta tiroidite non è mai stata curata come da consiglio di vari endocrinologi.
a questo punto nessuno sa piu che fare e mi hanno detto di fare una tac con riscontro al collo ma devo apettare mesi per farla, il collo rimane gonfio e io sono un po preoccupato e senza idee. grazie

Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del21/07/2006

Faccia il pannello anticorpale completo per la Mononucleosi (virus EBV). Nel 10% dei casi il monotest da un falso negativo
Saluti

Dott. Tonino Grasso
Medicina Territoriale
MARTANO (LE)


Risposta del21/07/2006

Cominciamo dagli esami eseguiti, il monotest non è assolutamente attendibile, vanno fatti esami più specifici per rilevare il virus di Epstein-Barr; la tipizzazione linfocitaria dimostra una infezione virale in atto, è presente un virus che sta combinando tutti quei pasticci, ed è lo stesso che ha provocato la Tiroidite autoimmune, che non è stata curata semplicemente perchè la medicina convenzionale non ha le armi non solo per rilevare l’agente patogeno che ne è responsabile, ma anche per portarlo via e fermare la Tiroidite autoimmune. I linfonodi ingrossati ne sono la testimonianza, sta attaccando il sistema immunitario. Pertanto, se vuole risolvere il suo problema deve fare una terapia che porti via effettivamente il virus, dopo averlo individuato, così riuscirà a fermare la Tiroidite , sgonfiare i linfonodi ed evitare guai futuri.

ingrossamento dei linfonodi latero cervicali 17mm a sx e 20 mm a dx e 13 mm centralmente; emersi PCR 13,9, ves 20, tas 275 , Asma 1:40 debolmente positivo, e le sottopopolazioni linfocitarie CD3+ 49,94 %rispetto a 55%valore minimo il rapporto cd4+/cd8+ 2,60 rispetto a 2, e i linfociti nk lievemente alti; monotest,; di una Tiroidite autoimmune con tsh generlmente alto circa 5 e anti tg 400 - 600 ,ma nell'ultimo esame tsh 0,27 e anti tg 360,.
Saluti Alberto Moschini



Dott. Alberto Moschini
Specialista in Medicina alternativa (omeopatia,agopuntura...)
MASSA (MS)


Altre risposte di Infezioni







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra