02/04/06  - Linfonodi ingrossati al collo - Malattie infettive

Linfonodi ingrossati al collo




Domanda del 02 aprile 2006
Salve dottore! Le scrivo il risultato della mia ecografia: L'esame è stato eseguito con sonda ad alta risoluzione da 13Mhx. Angolo mandibolare destro: piccola adenopatia reattiva di 7mm. Angolo mandibolare sinistro: presenza di due adenopatie contigue, la maggiore con diametro di 1.7 x 1.1cm, quella più piccola di 1 x 0.8cm (il diametro totale è di 2.8cm). Regione latero-cervicale sinistra posteriore: il paziente segnala piccola adenopatia con aspetto reattivo di 1.4 x 0.3cm Il completamente d'indagine con Color Doppler, effettuato su tutte le adenopatie segnalate, non ha dimostrato poli vascolari patologici. Il paziente segnala anche piccola tumefazione in regione sovra-claveare sinistra che corrisponde ad adenopatia di 8 x 3mm C.E.: due grossolane adenopatie in corrispondenza dell'angolo mandibolare di sinistra; piccole adenopatie in regione latero-cervicale posteriore e sovra claveare sinistra. Ho questi linfonodi ingrossati da molto tempo... Più di 10 mesi. Non vanno via
Ho provato a fare cure incrociate con antibiotici/antinfiammatori, niente... Enzimi...niente. Ho anche controllato i denti: risultato? Granuloma al 6° molare sinistro (in corrispondenza dei linfonodi più ingrossati). Tolto il molare, dopo 2 settimane ho fatto l'eco sopra descritta. Rispetto alla precedente è cambiato che si sono aggiunti gli ingrossamenti dei linfonodi a livello claveare... Ho paura che possa essere un linfoma. Ho letto che un tipo di linfoma non-Hodking è molto lento nella sua proliferazione. Gli esami del sangue sono tutti praticamente perfetti. L'unico positivo tra cito, toxo e mono è questo: IgG-VCA Presenti - Assenti Penso si tratti di anticorpi.. Il problema è che NESSUNO mi ha prescritto NIENTE
! Mi hanno detto che l'ingrossamento è dovuto alla faringotonsillite cronica che ho e che l'ingrossamento è normale. Il fatto è che io provo molto fastidio da questi linfonodi. Possibile che non si possa far niente per farli regredire??? Dovrei chiedere di assumere il genoma del virus EBV per farli regredire??? Non so davvero che fare, che pensare.. HO PAURA, soprattutto alla luce del fatto che ogni volta che controllo con un'ecografia se ne trovano altri ingrossati. Si può vedere un linfoma in un'ecografia????? MI AIUTI LA PREGO

! 23 anni,
Risposta del 05 aprile 2006
Quano si riferiscono gli esami del sangue è bene indicarli completi, tutti quelli che si sono eseguiti, non ho i fogli davanti per poterli vedere esattamente. Dalla mia esperienza ho imparato che esami nella norma non esistono, vanno sempre letti con i dati clinici del paziente, altrimenti poi il paziente non ha niente ed è solamente stress, Depressione , Ansia , nervoso ecc....così ci si libera della persona somministrando EN o Prozac, oppure si mando dallo psichiatra.
Lei con quei IgG-VCA Presenti, ha avuto la Mononucleosi , molto tempo prima, il virus, nonostante la produzione degli anticorpi, è rimasto nell'organismo, e continua a vivere indisturbato, nei linfonodi. Questo è un concetto fondamentale, che purtroppo è scritto sui libri, nella letteratura, ma ancora non è passato alla periferia, per cui non si applica nessuna terapia, aspettando che il paziente manifesti qualche patologia, il motivo è molto semplice, la mediicna convenzionale non ha armi per poter combattere i virus adeguatamente, infatti le terapie che lei ha fatto, hanno deto esito completamente negativo. Questo è il motivo per cui studio la medicina biologica e nel mio studio ho gli esami strumentali idonei per arrivare in breve tempo, da una a due ore, a una diagnosi, o facilitare il ragionamento diagnostico, così da dare indicazioni precise sullo stato attuale della persona.
Purtroppo così a distanza è difficile fare tutto questo, anche perchè la prescrizione del genoma deve essere preceduta da una analisi completa della persona.
Comuque, le posso consigliare alcuni esami fondamentali che possano togliere ogni dubbio sulle patologie da lei pensate, lei ha 23 anni, pertanto neha pieno diritto, inoltre esiste anche una parola molto importante in medicina che si chiama prevenzione:
Tipizzazione HLA classe I e II. Con espressione genica e corrispondenze sierologiche.
Tipizzazione linfocitaria e sottopopolazioni:
CD3, CD4, CD5, CD8, CD19, CD20, CD16/56, CD23, CD25,
anticorpi sierici anti tireoglobulina
anticorpi sierici anti microsoma tiroideo (TPO)
Tireoglobulina
anticorpi sierici anti recettore TSH (anti TRAK)
FT3, FT4, TSH
Anticorpi antinucleo (ANA e frazioni (ENA, Sm, RNP)
Calcitonina
Prolattina (possibilmente al 21°giorno mestruale)
· ANTICORPI ANTI-CHLAMYDIA PNEUMONIAE lgG e lgM
· ANTICORPI ANTI-CHLAMYDIA TRACHOMATIS ]gG e lgA
ANTICORPI ANTI-CITOMEGALOVIRUS lgG e lgM
· ANTICORPI ANTI-EPSTEIN BARR (EBNA-IgG, EBNA-IGM, VCA-IGG, VCA-IGM, EA-IGG, EA-IGM)
· ANTICORPI ANTI-HELICOBACTER PYLORI lgG e lgA
Saluti



Dott. Alberto Moschini
Specialista in Medicina alternativa (omeopatia,agopuntura...)
MASSA (MS)



Il profilo di ALBERTO MOSCHINI
Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Altre domande di Malattie infettive



Potrebbe interessarti
Fatica cronica? Confermato legame con l’intestino
Malattie infettive
19 maggio 2017
News
Fatica cronica? Confermato legame con l’intestino
Vaccini: vittime della loro stessa efficacia
Malattie infettive
15 maggio 2017
Focus
Vaccini: vittime della loro stessa efficacia