L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Infezioni

23/08/2008 19:38:26

Linfonodi inguinali ingrossati; emorroidi

Egregio dottore,
un mio caro amico da circa un mese manifesta una serie di problemi.

A fine luglio sono comparse delle emorroidi, interne ed esterne, molto dolorose e sanguinolente che il medico di famiglia ha imputato ad un farmaco usato per una cura antiemicranica che, se usato in estate, può avere questi effetti collaterali. Naturalmente la cura è stata interrotta ma le emorroidi non sono passate, più che altro sembrano essersi stabilizzate.

Dopo di ciò, da circa due settimane sono ingrossati in maniera costante i linfonodi inguinali, molto dolenti - sempre in presenza delle emorroidi - e da un paio di giorni sono comparse nell'area inguinale anche delle bollicine, come se si trattasse di uno sfogo, senza tuttavia prudere. Naturalmente sono state fatte degli esami del sangue e delle urine dai quali è emerso che i valori sono goblmente a posto tranne:

1) bassa percentuale di linfociti nel sangue: 16%
2) VES elevata: 63 1 ora
3) leucociti nelle urine: 25
4) albumina e gamma fuori norma nella diagnostica proteica: albumina 47% e gamma 24%
5) colesterolo basso: 128
6) valori di GPT e Gamma GT fuori norma, molto alti: GPT 86 e Gamma GT 138.

I medici non sanno ancora interpretare tali dati e il mio amico sembra indolente...io però sono preoccupato. Quali esami potrebbe o dovrebbe fare a suo avviso?

Grazie per la cortese e celere risposta.

Francesco M. Manno


Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del28/08/2008

Gentile Sig. Manno
In presenza di un sanguinamento rettale e di una linfoadenopatia inguinale si impone una visita specialistica coloproctologica ed una proctoscopia come primo approccio alla diagnosi di malattie severe, che spesso si accompagnano a tale sintomatologia .Solo dopo aver escluso patologie neoplastiche o infiammatorie acute e croniche a carico dell'anoretto è possibile imputare tali sintomatologia al tessuto emorroidario prolassato .

Dott. Giuseppe D'Oriano
Medico Ospedaliero
Specialista attività privata
Specialista in Chirurgia generale
NAPOLI (NA)


Altre risposte di Infezioni







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra