L'esperto risponde

Domanda di: Infezioni

27/01/2006 10:28:54

Linfonodi inguinali

Gent.le dott
ho da oltre 1 mese presenza di linfonodi inguinali. Ho effettuato analisi come l'emocromo, ves, pcr (valori tutti nella norma)e esami con mononucleosi, toxoplasmosi e cytomegalovirus, hiv (con esito negativo). Ho eseguito una ecotomografia dell'addome inferiore (che non ha rilevato nulla di anomalo) e un eco inguine dx e sn, dove è stata rilevata la presenza di alcune linfoadenomegalie bilateralmente con caratteristiche di linfonodi reattivi di 8-10mm. Non linfoadenomegalie sospette, nn ernie. Inoltre mi sono sottoposta ad un controllo del medico per accertarmi che non avessi altri linfonodi in altre zone del corpo. Il mio medico non riesce a capire la causa di questi linfonodi (tenendo presente che non faccio neanche la ceretta, e non posso averli infiammati in questa maniera.) Ora sto verificando che se ne stanno gonfiando altri lunga l'attacatura della gamba. Non voglio assumere farmaci senza capire la causa. La prego di consigliarmi che altro esame devo fare (forse una risonanza magnetica?). Inoltre non riesco a indossare più i pantaloni, perche cominciano a darmi ancora più fastidio. Sono impaurita, e una situazione che mi trascino e non riesco a venirne a capo. La ringrazio e attendo una sua risposta.

Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:

Risposta del30/01/2006

Intanto sarebbe utile conoscere le dimensioni dei linfonodi, giacchè i linfonodi inguinali sono spesso reattivi e di dimensioni intorno al cm o subcentimetrici. Il fatto che siano dolenti può comunque essere espressione di un qualche processo flogistico locale, in particolare all'apparato urogenitale sul quale varrebbe la pena di soffermarsi con indagini citologiche, sierologiche e microbiologiche (pap test, urinocoltura, ricerca anticorpi anti-chlamidia trachomatis). Una particolare attenzione andrebbe poi rivolta all'uso di saponi per la pulizia locale che potrebbbero, con meccanismo allergico, favorire la sovrapposizione batterica vaginale e di consenguenza la linfadenite satellite.


Dott. Carmelo Iacobello
Medico Ospedaliero
Specialista in Geriatria
Specialista in Malattie infettive



Altre risposte di Infezioni


© RIPRODUZIONE RISERVATA