L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Cuore

07/07/2006 00:22:30

Linfonodi inguinali

Gentile
Sono una ragazza di 21 anni. Nove anni fa in seguito ad uno sforzo fisico ho avvertito un dolore all’inguine con la comparsa di una ghiandola che in pochi giorni si è ingrossata notevolmente. Il chirurgo mi disse che era un’ernia inguinale e che mi sarei dovuta operare, ma io per nove anni ho ignorato questa possibilità anche perché il dolore andava e tornava ma non mi dava grossi problemi.
In questi ultimi mesi, però, il dolore all’ “ernia” si è fatto sentire sempre più spesso, impedendomi, quando si acutizzava di camminare bene e di compiere le semplici attività quotidiane.
Questo mi ha spinto a fare un altro controllo chirurgico e dopo aver fatto un’ecografia (mai fatta prima), ho scoperto di avere dei linfonodi infiammati nella zona inguinale sia destra che sinistra. Terapia: antinfiammatorio. Niente operazione!
Mi sto documentando sui linfonodi in generale e sui linfonodi inguinali e ho letto in un’enciclopedia che i linfonodi possono diventare la sede in cui si localizzano aggregati di cellule tumorali.
Mi devo preoccupare?
Devo fare altri controlli?
E inoltre, i dolori e il ritardo del ciclo mestruale sono collegati ai linfonodi infiammati? (Ho questo dubbio in quanto, a volte, quando il ciclo sta per arrivare, avverto dolore anche all’inguine)
La ringrazio.

Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del09/07/2006

La regione inguinale è zona di irradiazione delle più svariate sindromi dolorose (ad es. di origine pelvica, vertebrale, ecc,). La presenza di linfonodi, per di più da numerosi anni, in quella sede non deve per forza far riferire ad essi la origine dei dolori. Una volta esclusa l'ernia (non ti meravigliare, la diagnosi di ernia non è semplicissima nella donna), restano da inquadrare: 1) la presenza dei linfonodi 2) l'origine della dolenzia. E' necessario un accurato esame clinico (visita) ed eventualmente esami strumentali (ecografia pelvica, rx rachide lombosacrale, ecc.)

Dott. Lucio Piscitelli
Medico Ospedaliero
Specialista attività privata
Specialista in Chirurgia generale
Specialista in Chirurgia vascolare, angiologia
NAPOLI (NA)


Altre risposte di Cuore







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra