L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Infezioni

27/08/2008 16:21:26

Linfonodo parotide

Buongiorno, sottopongo il mio problema e chiedo cortesemente il vostro aiuto e un vostro consiglio.

Esito ecografia ottobre 2006:
In corrispondenza del profilo superiore della ghiandola parotidea di destra è riconoscibile modularità ipoecogena di circa 7.5 mm di diametro massimo, con segnali vascolari nel suo contesto; altra piccola modularità (5,2 mm) con analoghe caratteristiche è riconoscibile in sede intra parotidea, un poco più caudalmente. Tali reperti sono riferibili in prima istanza a linfoadenopatie iperplastiche reattive (in diagnosi differenziale va comunque posto il cistoadenolinfoma). Reperti di normalità per il resto di entrambe le ghiandole parotidi e sottomandibolari. Nei limiti la ghiandola tiroide.In sede latero cervicale bilateralmente non sono dimostrabili tumefazioni linfonodali sospette.

Esito agoaspirato gennaio 2007:
Il campione citologico ottenuto da agoaspirato in nodulo intraparotideo è rappresentato da ricca popolazione linfocitaria prevalentemente costituita da linfociti di piccola-media taglia con più rari elementi di grossa taglia da centro germinativo. Rari istiociti. Non si osservano cellule epiteliali ghiandolari. Il quadro in esame è indicativo di puntura in linfonodo intraparotideo con aspetti reattivi.
Consigliato da medico otorinolaringoiatra ecografia più visita ORL annuale.

Esito ecografia febbraio 2008:
Le scansioni condotte a carico della ragione parotidea dx, evidenziano, in corrispondenza del margine postero-superiore della parotide di dx una formazione ipoecogena, solida, ad ecostruttura finemente disomogenea, che attualmente misura circa 16 x 18 mm.
Non si segnalano adenopatie laterocervicali. Utile rivalutazione ORL.

Ho eseguito ortopantomografia (tutto ok) e sono stata dal dentista che non ha riscontrato carie o altro. In questi due anni su consiglio medico ho per mesi fatto massaggi quotidiani gel antiinfiammatori. Ho provato anche un ciclo di antibiotico Augmentin e più volte ho preso per lunghi periodi antinfiammatori per via orale, devo però ammettere senza alcun risultato.

Il mio problema in effetti è il dolore che quasi quotidianamente ho nella parte destra del viso. Spesso ultimamente assumo antidolorifici. Non so se l’aumento del dolore può essere causato dall’ingrandimento del linfonodo. Preciso che nella zona in cui si trova provo sempre un fastidio (quando non c’è dolore) come se avessi (perdonate il paragone) una nocciola nella zona tra l’orecchio e la mandibola. Il linfonodo in sé toccandolo non è doloroso, ma anche se può sembrare banale ciò che scrivo ora, bastano alcuni minuti di utilizzo dell’auricolare del cellulare, tenere appoggiata la cornetta del telefono all’orecchio (sento che questi vanno a toccare o meglio a premere su questo linfonodo) o altri movimenti, che ecco comparire il dolore alla parte destra del viso (orecchio, occhio, ecc) che in breve aumenta fino a diventare in certi momenti abbastanza pesante.

Sono a chiedervi gentili Medici un vostro consiglio su come risolvere questo problema che scusate se mi ripeto ma sta diventando per me abbastanza pesante.

Vi ringrazio e attendo con fiducia i vostri senz’altro utili consigli. Complimenti per la vostra professionalità e disponibilità. Cordiali Saluti.




Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del31/08/2008

gli accertamenti eseguiti innanzitutto depongono per l'assoluta benignità della lesione. un linfonodo reattivo, quale ne sia la causa iniziale, spesso tende a rimanere ingrossato. data la posizione, è normale che leggeri traumatismi come quelli da lei descritti possano sviluppare una leggera infiammazione del linfonodo stesso o dei tessuti circostanti causando dolenzia più o meno sopportabile. il consiglio è quello di rivolgersi ad un reparto di chirurgia maxillo facciale, onde valutare anche la possibilità di un piccolo intervento di escissione del linfonodo interessato.
è probabile, infatti, che con il passar del tempo e la somma di microtraumatismi la situazione possa peggiorare.
auguri

Dott. fabio arpaia
Specialista attività privata
Odontoiatra
Continuità Assistenziale
Specialista in Odontoiatria
Specialista in Stomatologia
NAPOLI (NA)


Altre risposte di Infezioni







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra