L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Stomaco e intestino

02/01/2016 22:08:00

Mal di stomaco

Soffro da tempo di mal di stomaco. Inizialmente, il dolore si presentava sotto forma di nausea solo dopo qualche bagordo con alcool o cibo pesante (da sempre, ad esempio, fatico a digerire i cibi cucinati con aglio). Lo stomaco risente anche dei fattori emotivi. Ricordo, infatti, di aver sofferto tantissimo di stomaco nelle giornate in cui ho avuto eventi di particolare importanza (quando partivo l'estate per andare dai nonni, il primo giorno di lavoro, quando ho assistito al parto di mia sorrela ...etc). Dopo una prima gastroscopia a cui era seguita una diagnosi da stress, qualche anno fa mi sono sottoposto a visita da uno specialista, il quale mi ha prescritto una dieta priva di alcuni alimenti irritanti (caffe, agrumi, alcool, etc) e l'assunzione giornaliera di pantoprazolo da 20mg. Inizialmente, il mio mal di stomaco e' peggiorato. Ricordo di aver avuto un dolore fisso per alcune settimane. Poi il mio stomaco e' diventato molto piu' frequente. Lo specialista chiudeva il percorso di cura dicendo che gran parte del dolore arrivava dalla testa. Cio' detto, ancora ad oggi non mi e' chiaro perche' ad ogni piccolo sgarro alimentare (inteso per tale, mangiare qualsiasi cosa da patatine, bibite, un bicchiere di vino, caramelle) consegue giornate di lancinante dolore di stomaco (nausea e bruciore di esofago).
Ho notato che talvolta tali dolori possono essere alleviati, bevendo caffe', facendo sport o una lunga passeggiata, oppure facendo movimento, come se il dolore allo stomaco sia legato ad una cattiva digestione. Talaltra tali attivita' aggravano il dolore. Sapreste dirmi come curarmi, qualianalisi fare,mquali farmaci prendere? Grazie

Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del07/01/2016

Dice bene, i suoi disturbi sono probabilmente correlati a una digestione non perfetta con conseguente reflusso gastrico-esofageo di acido. Ma solo il suo medico di famiglia può stabilire la cura più idonea per lei.




Prof. Alberto Tittobello
Casa di cura privata
Specialista attività privata
Universitario
Specialista in Gastroenterologia
Specialista in Cardiologia
Milano (MI)


Altre risposte di Stomaco e intestino







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi


Iscriviti alla newsletter

Invia una mail alla redazione



Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra