L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Apparato circolatorio

29/11/2004 21:15:52

Malattie professionali

Siamo due studenti universitari impegnati in un laboratorio di ricerca per la compilazione della nostra tesi sperimentale.Volevamo,se possibile,avere delle delucidazioni sull'eventuale rischio che potremmo correre nell'utilizzare giornaliermente tali sostanze chimiche e strumenti di laboratorio:cloroformio,etere etilico,metanolo,acetato di etile,NNdimetilformamide,trietilammina,aldeidi varie,acetonitrile,piridina,piperidina,sodio cianoboroidruro,diclorometano,esano,acido trifluoroacetico,acetone,lampade ultraviolette.Inoltre ci chiedevamo come poterci difendere dall'esposizione facendo presente che tutti i solventi prima citati ,alcuni rotavapor utilizzati per allontanare i solventi dalle soluzioni e i sintetizzatori BATCH per la sintesi peptidica in fase solida sono posizionati fuori dalle cappe,tenendo anche presente che a volte noi stessi siamo impossibilitati a lavorare sotto cappa.Ringraziandovi per la sicura risposta,distintamente porgiamo i nostri saluti.

Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del02/12/2004

Per i singoli prodotti utilizzati potete chiedere alla ditta MERCK le schede di sicurezza.
Le lampade UV come i raggi solari sono nocive per la cute. Evitare l'esposizione diretta.

Dott. Piergiuseppe Vegezzi
Casa di cura convenzionata
ERBA (CO)


Altre risposte di Apparato circolatorio







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2017 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra