L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Mente e cervello

02/10/2008 23:57:54

Malessere generale

Mi sento "colpita" da un malessere generale, sono sempre molto stanca, sopratutto fino al rpimo pomeriggio, mancano le forze e la concentrazione, il mattino mi sveglio anche se dormirei ancora, e mi sento come avessi dormito male, mi sento la schiena e la cervicale dolorantial risveglio.
Sono un po' depressa, e facilmente il mio corpo risente di stress e nervosismi, infatti da 2 mesi non ho il ciclo.
Ho 24 anni, nelll'ultima anno ho lavorato poco, sono soprattutto studente.
non so da dove iniziare, se fare un chek up, se fare semplicemente sport o andare dal fisioterapista per la cervicale, se mettermi il bite per la mandibola che sento sempre rigida (l'avevo già messo ma l'ho perso..), se fare un test sulle intolleranze alimentari, se dare sempre la colpa alla mia depressione, con chi posso parlarne almeno per avere un'indirizzo? Nell'ultimo mese ho avuto pure un'infezione intima, 2 settimaner di antibiotico e dopo un mese ho ancora perdite, sembra non se ne sia andata del tutto.
non mi alimento sempre in modo regolare, nel senso che molte volte mangio molto e poi ho difficoltà a digerire, questo m'impedisce di fare molte cose,mi blocca.
ma soprattutto pesa la mancanza di forza e concentrazione nello studio, ho sempre sonno (passato ex anoressica-exbulimica)

Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del06/10/2008

Mi pare che sia il momento di fare un po' di chiarezza e ordine! direi che sia il caso di parlare apertamente con il suo medico curante, esponendogli chiaramente tutta questa serie di disturbi e problemi che lei ha e se il curante lo riterrà oppotuno inviarla poi ad uno psichiatra dal momento che mi pare che tutti i sintomi fisici che lamenta si possano anche associare e ricondurre ad un quadro depressivo associato a disturbi della condotta alimentare che tuttora persistono.. Forse, oltre ad un eventuale trattamento psicofarmacologico, vista la insoddisfazione di se, la ifficoltà a prendere decisioni che traspare dall sua lettera potrebbe essere il caso di pensare se non valesse la pena una psicoterapia ad indirizzo psicoanalitico-psicodinamico.
cordiali saluti,


Dott. Giuseppe Hautmann
Casa di cura convenzionata
Specialista attività privata
Specialista in Dermatologia e venereologia
Specialista in Psichiatria
Specialista in Psicologia


Altre risposte di Mente e cervello







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra