L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Mente e cervello

19/12/2004 18:10:38

Marito

Siamo una coppia che oramai fra fidanzamento e matrimonio, sta assieme da 11 anni. A mio marito, più giovane di me di 9 anni, è sempre piaciuto guardare film porno che si procura tramie videocassette e/o canali saelliari. Tuto ciò mi disturba e mi avvilisce. Lui ritiene di non fare niente di male e la nostra vita sessuale può considerarsi "normale". Lo è (normale) anche il suo comportamento ?
Grazie
Ele

Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del23/12/2004

Sono undici anni che lei si sente avvilita e disturbata? Undici anni sono tanti. Immagino che non sapesse a chi chiedere aiuto.
Bisognerebbe aprire un dibattito su cosa vuol dire "non fare niente di male", su cosa è una vita sessuale normale e cosa è una vita sessuale normale tra virgolette.
Cara Ele, comprendo bene l'imbarazzo e anche la rabbia che questa situazione le provoca. Però vorrei evitare -- almeno per quel che mi riguarda -- di sparare pareri o, peggio, giudizi, che in campo sessuale lasciano il tempo che trovano.
L'impressione che ne ho è che ci sia una parte di suo marito che non riesce a sintonizzarsi con gli aspetti affettivi.
E' chiaro che lei ha il diritto di sapere qual è l'interesse specifico che lui prova nel visionare i film pornografici, e quale tipo di mancanza provocherebbe la loro eventuale scomparsa.
In generale, l'interesse per la pornografia indica una attrazione nei confronti del mistero della natura e del mistero del femminile in generale. Si suppone che con l'avanzare dell'età il mistero del femminile venga poi esplorato in un altro modo, proprio con la convivenza e l'intimità con una donna "vera" e con un atteggiamento che lasci spazio alla sensibilità piuttosto che alla materialità. Il percorso di suo marito si è bloccato, forse per indole, forse per pigrizia, forse per nessuno di questi motivi. Ma sei lei avverte un "disturbo" profondo, un motivo ci sarà. Cerchi di capirlo e, se lo desidera, mi riscriva.
Un caro saluto.

Dott.ssa Giulia Maria D'Ambrosio
Specialista attività privata
MILANO (MI)


Altre risposte di Mente e cervello







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra