L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Sessualità

09/04/2006 14:57:11

Maturazione inespressa

Salve,
volevo sapere quali effetti ha, in un uomo adulto, il non esprimere la propria sessualita', con relativa mancanza di eiaculazione.
Se si hanno degli effetti negativi o positivi sullo stato di salute.

grazie mille

Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del12/04/2006

Su queste tematiche che mettono in risalto una correlazione tra attività sessuale, frequenza dell' eiaculazione e problemi urologici ci sono recenti lavori che hanno focalizzato la loro attenzione sul rischio di sviluppare un cancro alla prostata negli uomini con un' alta o una bassa frequenza di eiaculazioni.
La prima ricerca è stata condotta dal Prof. Graham Giles, direttore del Cancer Council Victoria in Australia in collaborazione con l’Università Western Australia, l’Istituto Europeo di Oncologia e l’Università di Otago, in Nuova Zelanda. Lo studio è stato svolto su 1079 uomini di età inferiore ai 70 anni cui era stato diagnosticato un cancro alla prostata e un gruppo di 1259 uomini sani di età simile. A tutti era stato chiesto di riempire un questionario confidenziale con dettagli sulla loro attività sessuale in vari periodi della loro vita.
Lo studio ha evidenziato che non c’era associazione tra numero di partner e rischio di cancro, così come non c’era associazione tra numero di eiaculazioni al giorno e rischio di cancro. Quello che sembrava essere importante era la frequenza di eiaculazioni nel tempo. Non importa se l’eiaculazione fosse dovuta ad un rapporto sessuale o alla masturbazione. L’effetto protettivo delle "numerose" eiaculazioni sulla prevenzione del cancro alla prostata sembra essere dovuto al mancato ristagno delle sostanze che sono nel liquido seminale e che potrebbe determinare delle trasformazioni cellulari. Sono dati ancora non sicuri e definitivi tanto che un altro gruppo di ricercatori statunitensi, coordinati dal National Cancer Institute, è arrivato ad una conclusione diversa ed opposta.
Se comunque è interesato ad approfondire il discorso può leggere il relativo articolo pubblicato su JAMA (Leitzmann MF et al, JAMA 2004; 291: 1578 - 1586). Buona Pasqua ed un cordiale saluto.



Dott. Giovanni Beretta
Specialista convenzionato
Specialista attività privata
Specialista in Andrologia
Specialista in Ginecologia e ostetricia
Specialista in Urologia
MILANO (MI)


Altre risposte di Sessualità







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra