L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Allergie

18/05/2006 14:48:10

Mestruazioni

Ho 33 anni e un bambino di 3.
Da sempre mi sono curata con l'omeopatia presso lo studio del mio medico omeopata unicista anche se, come si dice, "non avevo mai niente".
Dopo il parto ho cominciato a soffrire di tonsilliti croniche streptococco gruppo a) che ho curato, non so perchè, non dal mio medico omeopata, ma con punture di diaminocillina. Non arrivando a nessun risultato, sono tornata dall'omeopata e, dopo una cura di Thuya, ho avuto una "falsa tonsillite" perchè senza febbre, un'eruzione simile alla scarlattina e un reumatismo articolare. In seguito ho continuato ad avere mal di gola in corrispondenza dell'arrivo delle mestruazioni. Finalmente però le tonsilliti non si sono ripetute e dalle analisi non risulta più lo streptococco e il valore del TAS si sta abbassando.
Sono continuamente in cura dall'omeopata e, nonostante stia molto meglio rispetto a quando ripetevo le tonsilliti, in corrispondenza dell'arrivo del ciclo mi ammalo (lavoro in una scuola materna e mi vengono le classiche cose che hanno anche i bambini).
Avevamo interrotto questa cronicità con una cura di Magnesia Carbonica ma da due mesi col ciclo sono arrivate anche un'influenza intestinale e un raffreddore con febbre.
Sto curandomi adeguatamente? grazie.

Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del21/05/2006

La ringrazio, le cure eseguite, vanno benissimo.
Nel leggere la sua sintomatologia, ho constato che deve sussistere una malattia di fondo importante, che ha causato l’iniziale gestosi, e successivamente, tutte le altre patologie. Per questo va controllata attentamente la tiroide ed altre ghiandole. La medicina biologica mi offre molte possibilità, anche di esami strumentali, che eseguo in studio. Quindi su una malattia iniziale, si sono sovrapposte tutte le altre patologie. Va individuata questa, l’agente patogeno, che la ha causata, intervenire su queste per far cadere il castello. Quando questa sia iniziata, è difficile stabilirlo, potrebbe anche risalire a quando lei aveva un mese. Tutto questo, non solo ha un riscontro omeopatico, ma anche immunologico. Le due medicine viaggiano appaiate, senza il ragionamento immunologico, non si può seguire la medicina convenzionale e omeopatica. Bisogna sempre individuare la partenza della patologia, fermarsi a quelle accessorie, si ottengono risultati, ma sono di breve durata, successivamente, si innesca sempre una malattia che ha la sua base su quella originaria. Una semplice presenza di uno sfogo con qualche bollicina o arrossamento in bambino di pochi giorni, la crosta lattea, l’eritema da pannolino, il bambino che non dorme, ha mal di pancia, piange, sono tutte espressione di una infezione primaria, da cui dipendono tutte le malattie e patologie che verranno. Capisce bene, la necessità di individuarla e curarla. Questo, come dicevo ha un riscontro nella medicina convenzionale, capire questo, significa fare terapia causale e non sintomatica.
La malattia iniziale ha provocato “A giugno in un periodo di forte stanchezza ho avuto un altro reumatismo articolare” per curare questo, bisogna agire su chi ha iniziato la prima patologia, altrimenti si verificherà successivamente un’altra patologia, ma questo ha un riscontro immunologico, si chiama mimetismo molecolare, su cui bisogna sempre agire, per riportare il sistema in uno stato fisiologico, da cui ripartire.




Dott. Alberto Moschini
Specialista in Medicina alternativa (omeopatia,agopuntura...)
MASSA (MS)


Altre risposte di Allergie







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra