L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Mente e cervello

06/10/2006 22:53:59

Mia sorella

Buona sera dottore,
le scrivo perchè sono preoccupata per mia sorella,l'anno scorso proprio nella notte fra il 6 ed il 7 ottobre tentava il suicidio,per fortuna non riuscito;a distanza di un anno dopo un periodo tremendo lei sta bene e sembra aver superato la depressione,le avevano diagnosticato uno stato ansioso depressivo reattivo al quale si è poi aggiunto uno stato maniacale,tutto questo dovuto ad una delusione d'amore;ha seguito una cura farmacologica insieme a sedute di psicorterapia,inizialmente interrotta e poi ripresa per un periodo di oltre sei mesi,pian piano le dosi sono state diminuite fino a non prenderle ed anche le sedute sono state sospese perchè secondo la dottoressa la fase critica era stata superata. Adesso lei a ripreso a vivere,esce, mangia,dorme abbastanza tranquilla e si è più aperta con noi della famiglia,quello che mi preoccupa e l'atteggiamento assunto che come lo definisco io è un po' sopra le righe sia nel lato positivo che negativo,nel senso che adesso è aperta verso la vita ma anche troppo è come se volesse dimostrare a tutti che ora sta bene,che ama la vita,che è più sicura di se e quando invece qualcuno come capita a tutti nella vita le fa uno sgarbo,non lo perdona dicendogli apertamente ciò che pensa di essa anche davanti a tutti e come se volesse far pagare a chi tra virgolette le fa del male il male ricevuto dal suo ex. Vorrei aiutarla e darle dei consigli ma a volte ho paura che non li accetti. Mi aiuti.
Mi scuso per la lunghezza della mia lettera ma volevo illustrarle la situazione al meglio.

La ringrazio per l'attenzione

sorella preoccupata

Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del11/10/2006

credo che questi aspetti caratteriali di sua sorella potrebbero beneficiare di un percorso psicoterapico, quantomeno per aiutarla ad averne consapevolezza. quindi le consiglierei di riprendere a vedere almeno uno psicoterapeuta, considerato che solo un anno fa era così disperata da tentare il suicidio. purtroppo da situazioni così grave non si guarisce con solo pochi mesi di terapia, perchè rimane una fragilità di fondo che si può manifestare alle prime difficoltà.

Dott. Gaspare Palmieri
Casa di cura convenzionata
Specialista attività privata
Specialista in Psichiatria
MODENA (MO)


Altre risposte di Mente e cervello







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra