L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Cuore

15/09/2006 10:42:02

MICROCALCIFICAZIONI L SENO

Salve dottore.sono una donna di 48 anni e come di consueto allamia eta' ho deciso di fare un che-cup tra cui una mammografia, dove sono emerese almeno 3 microcalcificazioni,due racchiuse in un cluster e una singola ,ho fatto una visita senologica il dottore ha detto che se entro 7 mesi aumentano vanno tolte, se restan cosi possono anche rimanrere .la mia domanda è questa:

Se andassero tolte queste microcalcificaz, hanno la stessa funzione di un nodulo?cioè una volta tolte devo fare la chemio?
c'è la possibilità che queste microcalcif restino tale e identiche senza subire delle variazioni?entro quanto tempo si inizierebbero a vedere l'aumento eventuale delle microcalcificaz?

una forma tumorale è soltanto il nodulo oppure ci sono altre forme tumrali, esempio delle macchie, o non so, qualsiasi altra cosa..?
io le sarei immesamente grata se rispondesse a questi dubbi che mi fanno stare perennemente in ansia.grazie

Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del19/09/2006

le microcalcificazioni mammarie evidenziate alla mammografia,possono essere di molteplice natura,pertanto e' molto importante la valutazione data dal radiologo.
comunque in presenza di un cosidetto cluster di microcalcificazioni,lo stesso radiologo si sbilancia in merito ad una eventuale diagnosi,in quanto microcalcificazioni raggrupate,spesso mimano una verosimile neoformazione di cui e' imposta la diagnosi.
pertanto ritengo opportuno eseguire a completamento dell'indagine radiologica una eco mammaria,eventuale biopsia per esame istologico o eventuale resezione mammaria.
per quanto concerne un eventuale trattamento chemioterapico,e' prematuro porre una indicazione,ma ritengo verosimile che se si trattasse di una forma tumorale ,verosimilmente essa sara' allo stadio iniziale e pertanto con ogni probabilita' non credo che vi sia la necessita' di tale trattamento.

cordiali saluti a disposizione per ulteriori chiarimenti

dott.Marco Eboli

Dott. marco eboli
Casa di cura convenzionata
Specialista in Chirurgia apparato digerente
ROZZANO (MI)


Altre risposte di Cuore







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra