L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Infezioni

13/04/2005 23:56:24

Mononucleosi

Gentile dottore, sono un ragazzo di 20 anni.
Nelle scorse due settimane sono stato affetto da mononucleosi che si presentava con fortissimi dolori nella deglutizione e gonfiore dei linfonodi del collo e delle tonsille. La malattia è stata comprovata dal monotest ma i sintomi sono spariti ormai da tre giorni. Vorrei sapere per quanto tempo ancora sarò contagioso e dovrò quindi evitare baci e cose simili. La prego di aiutarmi poiché non riesco a trovare una risposta in nessun modo, neppure il mio medico curante sa dirmi qualcosa di preciso. Esiste inoltre la possibilità che il virus si riattivi trasformandomi in un portatore sano? A tale scopo esistono esami specifici?

RingraziandoLa, porgo distinti saluti

Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del17/04/2005

SARAI CONTAGIOSO FINO A QUANDO SARANNO PRESENTI NEL TUO ORGANISMO LE IMMUNOGLOBULINE IgM. RICHIEDI AL TUO ANALISTA L'ESAME EBV-VCA . SE DA QUEST ESAME RISULTANO PRESENTI SOLO
LE IgG PUOI STARE TRANQUILLO PERCHE RISULTERAI GUARITO ED IMMUNE .
DISTINTI SALUTI.

Dott. Vito De Caro
Medico Ospedaliero
Specialista in Igiene e medicina preventiva
Specialista in Patologia clinica
NAPOLI (NA)


Risposta del18/04/2005

Il virus della Mononucleosi può persistere anche molto a lungo nell'orofaringe sicchè una discreta percentuale di soggetti che si sono ammalati ( molti di quelli che non si sono ammalati ma sono stati solo infettati) diventano poi portatori sani del virus ( fino al 10-20%);percentuale ancora più alta nei pazienti trapiantati in terapia immunosoppressiva e dei leucemici e talassemici.Sapere questo non è pratico perchè occorrebbe fare una coltura del virus dalle secrezioni orofaringee e queto è possibile solo nei laboratrori di riferimento ( ove esiste una virologia).Peraltro il portatore sano non si riammala a meno che il suo livello anticorpale ( che anzi è continuamente sostenuto dalla presenza del virus) non si abbassi in corso di malattie debilitanti come una malattia neoplastica o in corso di terapie immunosoppressive fatte per vari altri motivi.


Dott. Angelo Salomone Megna
Medico Ospedaliero
Specialista attività privata
Specialista in Medicina interna
Specialista in Radiodiagnostica
BENEVENTO (BN)


Altre risposte di Infezioni







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra