L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Infezioni

13/10/2006 18:52:57

Mononucleosi

Salve
sono una ragazza di 21 anni e per circa 2 mesi ho sofferto di alcuni disturbi:forte tachicardia,affaticamento(avevo la sensazione di non respirare e mi sentivo come se le mie gambe dovessero cedere da un momento all altro!),giramenti di testa(dovuti alla presione diventata improvvisamente bassissima?) e sopratutto avevo una tonsilla in particolare molto gonfia.gli esami del sague sono risultati buoni(eccetto il magnesio un pò basso) ed ho effettuato un ecocolordoppler(avevano paura di qualche problema al cuore).poi da un ulteriore accertamento è venuto fuori che avevo l' antistafilolisinico leggermente alto(8 invece di inferiore a 2) e soprattutto ero risultata positiva al virus dell epstein-barr cioè le mie IgG erano 66 quindi positive mentre le mie IgM erano 0.100 cioè negative.quindi ho od ho avuto la Mononucleosi ma la mia domanda é:i sintomi che avevo prima corrispondono ad una Mononucleosi e perchè il titolo antistafilolisinico è alto?c è una correlazione tra i due?Grazie mille
cordiali saluti

Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del16/10/2006

Gentile signorina, il fatto che Lei abbia le IgG alte e le IgM basse sta semplicemente a a significare che Lei è venuta in contatto in un passato non recente (sicuramente superiore ai 6 mesi) con il virus di Epstein-Barr (responsabile della Mononucleosi ) ma che non necessariamente Lei abbia, allora, contratto la malattia (è, in ogni caso, immunizzata contro essa). La sintomatologia che Lei ha riferito, visti tutti gli accertamenti negativi, può far pensare alla cosiddetta sindrome da affaticamento cronico per la quale, tuttavia Le consiglio di rivolgersi ad un Medico Internista.
Sperando di esserLe stato d'aiuto concisamente, Le porgo cordiali saluti.



Dott. Marco Fontana
Medico Ospedaliero
Specialista in Otorinolaringoiatria


Risposta del17/10/2006

Lo sa benissimo che gli esami eseguiti vanno descritti completi, non esiste il “gli esami del sangue sono risultati buoni”, con una sintomatologia come la sua, o comunque, non sono stati eseguiti quelli necessari per rilevare completamente la patologia. Ha eseguito tutti gli esami degli ormoni e anticorpi tiroidei? Vanno sempre eseguiti nel caso di tachicardia. Inoltre la lettura va sempre eseguita con attenzione, e non in base ai valori di riferimento.
La sua sintomatologia, corrisponde ad una tonsillite da virus di Epstein-Barr, Tiroidite e a una sindrome da stanchezza cronica, che sono provocate dal virus di Epstein-Barr; che è ancora presente nel suo organismo, ha provocato la tonsillite, “tonsilla in particolare molto gonfia”, pertanto è questo virus che va eliminato, eradicato.
Il virus di Epstein-Barr, ha la proprietà, una volta entrato con la Mononucleosi , di rimanere latente nelle cellule, prevalentemente quelle linfatiche, per questo linfonodi ingrossati, produce proteine per non essere individuato, non fa perdere il self alla cellula infettata, produce una proteina simile alla interleuchina-10, che serve a tutto il sistema, per comunicare che l’infiammazione è terminata e l’agente patogeno, è stato espulso.
Pertanto, non vengono prodotte più le IgM, le IgG, sono insufficienti a stabilire una memoria, che in questo caso, non esiste. Pertanto, basarsi sul solo riscontro IgM/IgG, non solo è obsoleto, ma crea una grande confusione e una impossibilità terapeutica, come lei ha potuto constatare.
Il Tasso e la presenza del virus, sono correlati, rappresenta ancora una possibilità di reazione dell’organismo, nel caso in cui si abbassi, dimostra una scarsa reazione, ormai soccombe al virus, e cominciano guai ancora più seri.
Come vede, con queste considerazioni, tutto cambia e diviene spiegabile, ma è attuabile una terapia, cosa importantissima, che consiste nella eradicazione del virus e di tutti gli altri agenti patogeni, che ha fatto entrare creando una immunodeficienza.
Come vede, lei ha bisogno di accertamenti molto più profondi che indaghino il sistema immunitario e la sua predisposizione genica alle malattie autoimmuni. Sta già svolgendo una Tiroidite , in questo caso, analizzando attentamente la sua anamnesi, la sua clinica, è possibile attuare una prevenzione importantissima che le può evitare guai molto più importanti.
Saluti



Dott. Alberto Moschini
Specialista in Medicina alternativa (omeopatia,agopuntura...)
MASSA (MS)


Altre risposte di Infezioni







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra