L'esperto risponde

Domanda di: Orecchie, naso e gola

20/05/2010 12:18:03

Muco persistente

Gent.mo dott.,
sono una ragazza venticinquenne alle prese con un disturbo piuttosto antipatico e ricorrente.
A dicembre 2009 mi è stata diagnosticata (mediante esame a fibre ottiche) una sinusite –che mi procurava forti dolori alla radice del naso e indolenzimento facciale generalizzato-, curata con un ciclo di antibiotici (Zimox, 11 giorni) e lavaggi nasali d’acqua termale sulfurea che tuttora pratico quotidianamente (alternativamente all'aerosol con acqua di Sirmione e soluzione fisiologica quando mi si tappa, adesso più raramente, il naso).
Mi era stata consigliata una TAC al massiccio facciale senza mezzo di contrasto, qualora i sintomi si fossero ripresentati, ma l’esame non l’ho ancora effettuato in quanto la forte cefalea non è mai più ricomparsa. Tuttavia, risoltosi –o forse no!- il problema acuto della sinusite, permane tuttora –a giorni alterni- un continuo scolo di muco trasparente e filamentoso dal naso giù in gola, cosa che mi stimola a tossire e mi dà un senso come di calore in gola (immagino questo sia dovuto anche all’irritazione dovuta alla tosse stizzosa ed improduttiva).
Ora mi domando:
1- è possibile trovare un rimedio alla cosa oppure questo maledetto muco è sintomatico del fatto che la mia sinusite è cronica e mi devo rassegnare -cosa non facile- a vivere con questo fastidio continuo?
2- è possibile che in me ci sia una componente allergica nonostante io non accusi sintomatologia prettamente allergica quali ad esempio starnuti e lacrimazione? Dovrei fare delle prove allergiche (le mie IgE totali sono ben al di sotto del valore massimo)?
3- esiste un regime alimentare che mi possa aiutare a fluidificare il muco di modo che non avverta questo continuo scolo retronasale (mi è stato detto di abolire latte e latticini però io sono una donna e non vorrei, un domani, magari dopo le gravidanze e la menopausa, dover pensare alla mia osteoporosi -di cui già c'è una certa familiarità-)?
4- è possibile che il clima caldo umido dovuto al vento di scirocco che spesso soffia sulla mia città -abito al Sud, sul mare-, contribuisca ad acuire il disturbo?
5- cosa ne pensa dell'opportunità di una cura termale? Potrebbe essere risolutiva?
6- andare al mare d'estate potrebbe peggiorare la situazione?

La ringrazio sin da ora per la cortese attenzione e mi scuso per le molte domande ma...brancolo nel buio: l'otorino che ho consultato, sebbene molto cortese e stimato in città, mi è parso sminuire molto il problema...certo, mi rendo conto che forse si tratta di un disturbo banale, ma mi ingenera un certo nervosismo! Mi è stato detto che la mia sinusite è probabilmente cronica e che devo "sopportare"...

Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:

Risposta del29/05/2010

La sintomatologia che lei accusa è fortemente suggestiva per la presenza di una Sinusite cronica (che molto raramente provoca Cefalea ) e impone per la diagnosi l'esecuzione di una TAC (se lei si è già sottoposta ad endoscopia).
Risponderò sinteticamente alle domande:
1) il muco può essere provocato da una Sinusite cronica, ma, rassegnandosi ad essere operata, è possibile liberarsene con il contributo della terapia medica (che può funzionare solo dopo un intervento di bonifica)
2) il coesistere di una eventuale allergia consiglia ancora più fortemente di sottoporsi alla terapia chirurgica
3) e 4) il regime alimentare non può guarire una Sinusite e il clima lo Influenza
5) una cura termale può migliorare la situazione, ma non può risolvere definitivamente il problema
6) il clima marino ha un effetto benefico sulle sinusiti



a href="/Francesco_Gedda?esp=2217" Dott. Francesco Gedda /a
Medico Ospedaliero
Specialista attività privata
Specialista in Otorinolaringoiatria
Torino (TO)



Altre risposte di Orecchie, naso e gola


© RIPRODUZIONE RISERVATA