L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Infezioni

23/11/2004 15:51:24

Naso chiuso

Gentilissimo dottore,
vorrei porle un quesito riguardante un piccolo ma fastidioso problema
che assilla mia moglie da circa 2 anni e mezzo.
Il problema riguarda l'ostruzione del naso sopratutto nelle ore notturne,
cha la costringono all'uso di gocce decongestionanti(RINOCIDINA VALEAS) ,
per poter riposare tranquillamente.
Il suddetto problema è venuto fuori durante la gravidanza che ha portato
alla nascita del nostro primo figlio, ma non è mai sparito da allora.
Tengo a precisare che abbiamo effettuato tutti i tipi di analisi che ci hanno consigliato,
dai raggi X , alle prove allergiche, e alle varie visite presso otorinolaringoiatri,
ma a parte una piccola deviazione del setto nasale
che comunque non giustifica il problema(cosi' ci hanno detto),
non ci è stato diagnosticato nulla di rilievo su cui poter intervenire in maniera drastrica.
Ora la mia richiesta sta nell'ottenere qualche valido consiglio
per poter risolvere il problema , in particolare per evitare l'uso dei decongestionanti ,
sconsigliati per l'uso prolungato.
Ringrazio anticipatamente per il servizio e la gentilezza.

Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del27/11/2004

la mucosa nasale va regolarmente incontro a fenomeni vasomotori che possono portare anche a temporanee "chiusure". In corso di gravidanza la tempesta ormonale che si genera può provocare, in certi soggetti, delle "sregolazioni" di alcuni meccanismi che prima della gravidanza si svolgevano con ritmi e modalità diverse. Va però tenuta in conto anche la possibilità che le condizioni ambientali durante le ore notturne (ad esempio un'eccessiva secchezza dell'aria) possano favorire il fenomeno che accusa Sua moglie. Se non ottenesse risultati con la sola correzione di questo fattore ambientale, considerato il genere di disturbo riferito sarei propenso a suggerire come primo approccio quello della medicina omeopatica.

Dott. Vincenzo Martucci
Medico Ospedaliero
UDINE (UD)


Altre risposte di Infezioni







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra