L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Mente e cervello

20/06/2006 13:31:58

Nausea e panico

Buongiorno.
da circa tre anni combatto con una strana forma di "malattia".
tre anni or sono una mattina mi dirigevo al lavoro e fui colto da un attacco di panico e conati di vomito.andai in pronto soccorso e mi dissero che era astenia.torno al lavoro il giorno dopo e mi sento un senso di nausea che comunque riesco a sopportare.il fine settimana mi avvio con poca voglia a vedere una partitella in un paese vicino e sono colto da un attacco di conati di vomito e capogiri fino quasi allo svenimento.mi portano al pronto soccorso e mi sento meglio dopo aver preso dei tranquillanti.consigliano una settimana di ferie e del xanax per un breve periodo.facio ovviamente una marea di esami,tirode e sangue,ecc e non trovano niente.mi consigliano di rivolgermi ad uno psichiatra e vado.
mi prescrive uno psico farmaco(recettore della serotonina) e la nausea e il panico pian piano passano.smetto dopo dieci mesi come indicato e dopo due mesetti neanche,ricompaiono i sintomi.lo psichiatra mi dice che mi aveva fatto smettere troppo presto.si riprende...dopo 6/7 mesi su consiglio di un amico mi rivolgo ad un omeopata che mi consiglia di smettere e mi da' una cura alternativa.sembra che funzioni...invece...
cosi' mi rivolgo ad una psicoterapeuta che inizia il lavoro di analisi e mi consiglia di riprendere i farmaci almeno per stare bene un po'.il lavoro di analisi inizia e con i faramci mi sento abb bene.
purtoppo ogni volta che arriva l' estate ho una ricaduta,infatti vi scrivo per un consiglio,in quanto non so piu' cosa fare.
di solito smettevo i farmaci prima dell' arrivo della bella stagione e davo la colpa a quello per le ricadute.
ora mi sta' tornando una fort nausea anche se sono ancora in trattamento.
Ho paura di non riuscire a farcela...questo problema mi sta' rovinando la vita.

grazie fin d' ora

Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del23/06/2006

Credo che solo con la psicoterapia lei potrà risolvere il problema anche se giustamente le è stato consilgiato di assumere i farmaci fino a quando non sarà stato risolto il problema all'origine.

Dott.ssa M.Adelaide Baldo
Specialista attività privata
Specialista in Psicologia
BRESCIA (BS)


Altre risposte di Mente e cervello







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra