L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Occhio

17/04/2008 11:01:35

NEURITE OTTICA

Salve volevo chiedere delucidazioni sulle cause di questa malattia.
Oltre a come primo sintomo della Sclerosi Multipla da cos'altro e in quali percentuali può essere causata?
Potrebbe dipendere da uno stato emotivo sotto forte stress?
Se causato da una malattia virale infettiva, può ugualmente avere una prognosi positiva o una volta affetti da questa malattia si va incontro nel 95% dei casi a sclerosi multipla?
La ringrazio anticipatamente per tutte le informazioni che mi può dare e cordialmente la saluto.

Alessandra

Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del20/04/2008

Carissima Alessandra,
mi sembrava di averle già risposto!!!
La neurite ottica è l'infiammazione del nervo ottico, ossia del nervo che trasmette luce e immagini visive dalla retina al cervello. E' anche conosciuta col nome di “neurite retrobulbare” dato che il nervo è dietro al globo oculare.
La neurite ottica in genere si manifesta con annebbiamento acuto, offuscamento o perdita della vista, quasi sempre da un occhio, anche se a volte entrambi gli occhi vengono colpiti contemporaneamente. Ci può essere dolore o meno all'occhio colpito. Il deficit visivo di solito raggiunge un picco in alcuni giorni, dopo di che generalmente migliora in un periodo compreso tra 8 e 12 settimane. Di solito un breve ciclo di corticosteroidi risulta utile per migliorare e recuperare la vista, anche se non vi sono prove che confermino che un trattamento con steroidi consenta un recupero più completo di quello che sarebbe avvenuto senza farmaci. Uno studio recente ha dimostrato che per trattare un attacco di neurite ottica sono più efficaci gli steroidi per via endovenosa rispetto agli steroidi per via orale.
E' possibile che un individuo abbia un episodio subclinico (ossia senza sintomi evidenti) di neurite ottica. Si può cioè verificare una demielinizzazione del nervo ottico senza che la funzione visiva ne sia colpita. In questi casi i potenziali evocati visivi sono molto utili per dimostrare l'esistenza di lesioni lungo le vie nervose ottiche.
Consiglio anche visita neurologica.
Un saluto.
http://siravoduilio.beepworld.it


Dott. Duilio Siravo
Specialista attività privata
Specialista in Oftalmologia
PISA (PI)


Altre risposte di Occhio







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra