L'esperto risponde

Dica33.it offre ai suoi utenti la possibilità di trovare online una risposta a problemi e dubbi di salute. Il servizio è gratuito e subordinato alla cortese disponibilità dei medici della comunità Medikey.


Domanda di: Cuore

22/10/2006 16:02:08

Nodulo Tiroideo

Salve,

Circa 7 anni fa scoprì di avere un nodulo tiroideo, mi furono consigliate 2 soluzioni, da 2 diversi endocrinologi, non ne scelsi nessuna:
1) Un' intervento chirurgico classico con asportazione parziale o totale (da stabilire al momento dell' intervento) della tiroide.
2) Sottopormi alla radioterapia.

In Primavera ho deciso di riaffrontare il problema, anche perchè al momento sono in premenopausa e so che questo nodulo mi avrebbe potuto provocare problemi di osteoporosi ed altro legati alal menopausa.
Sottopostami nuovamente avisita medica mi è stato sottoposto ancora una volta l' intervento chirurgico, la mia domanda è quindi: è giusta e sicura questa soluzione?

Vi allego di seguito alcuni referti medici prima quelli passati e poi quelli recenti, ringraziandoVi se li leggerete:

Ecotomografia Tiroidea del 21/06/99
"Tiroide in sede di aspetto bilobato asimmetrico per maggior salienza del lobo destro rispetto al sinistro. I margini ghiandolari sono netti e regolari, la trachea appare in asse. Il lobo dx appare in buona parte occupato da una formazione nodulare ovidale di circa 39,7 x 17,9 x 15,9 mm: il nodulo presenta margini netti, cercine ipoecogeno continuo e di spessore uniforme ("halo sign"), Struttura interna solida disomogenea per piccole aree colliquative multiple centrali tendenti alal confluenza.
La formazione non presenta calcificazioni: lo studio vascolare mostra intenso circolo perinodulare e polivascolari multipli intranodulari senza evidenza di caratteri di francanarchia; alte le velocità di flusso delle arteriole campionabili ed ancor più evidente spettro ad alte velocità delle arterie tiroidee campionate all' emergenza polare.
Il lobo sin e l' istmo presentano scarsa fine vascolarizzazione. Il reperto orienta per adenoma tiroideo:"

- Esami del sangue del 3/12/99
Ft 3: 3,0
Ft4: 1,1
Tsh: 0,004

- Esame citologico (FNAB) del 30/11/2000
Descrizione Macroscopica: "biopsia aspirativa con ago sottile da nodulo del lobo destro della tiroide."
Diagnosi Microscopica: "negativo per cellule maligne. Il quadro citologico mostra tireociti atrofici ed in lembi monostratificati in uno sfondo contenente abbondante colloide libera. Il reperto depone per un gozzo (semplice) nodulare (colloide)"

Esami recenti.
- Ecografia tiroidea 11/05/06
"L' esame ecografico mostra la tiroide in sede anatomica, dismorfica per prevalenza del lobo destro che si presenta di volume aumentato e con profili arrotondati.
Le dimensioni attuali dei lobi risultano:
lobo destro diam. long. cm 5
" " " A/P cm 2,1
" " " trasv. cm 3,1
" sx. " long cm > 4
" " " A/P cm 1,1
" " " trasv. cm 1,5

L' Ecostruttura ghiandolare interna dsi conferma disomogenea per la presenza del lobo dx, della formazione nodulare già descritta, che mostra ecotessitura interna immodificata e del tipo irregolarmente isoecogena con aree colliquative interne.
I diam. max attuali risultano di cm 3,5 x 1,59.
Asse tracheale non deviato. Non linfoadenopatie laterocervicali.

Analisi del sangue del 26/09/2006:
"Ormone tireotropo: 0,10
Ft3: 3,4
ft4: 1,10
IgG: antiepstein barr capside"

In attesa di un Vostro eventuale riscontro, caramente e con stima vi saluto.

L.

Sei un medico e vuoi dare una risposta? Clicca qui


Risposte:


Risposta del26/10/2006

Gentile signora,
dagli esami effettuati pare che si possa escludere una patologia maligna. Il nodulo però é di discrete dimensioni e potrebbe aumentare ulteriormente di volume provocando disturbi meccanici da compressione, sembra anche la sua tiroide sia modestamente iperfunzionante.
Quindi può prendere in considerazione due opzioni:
-tenere la sua tiroide sotto controllo con ecografie periodiche e d eventualmente ripetere un esame citologico;
- sottoporsi ad intervento chirurgico che probabilmente dovrebbe consistere in una asportazione totale della tiroide, il che comporta una terapia ormonale sostitutiva a vita e alcuni piccoli rischi da non sottovalutare.

Dott. Sandro Faragona
Medico Ospedaliero
Specialista in Chirurgia generale
Specialista in Odontoiatria


Altre risposte di Cuore







© RIPRODUZIONE RISERVATA

VEDI ANCHE

PatologiePatologie
Esperto rispondeEsperto risponde
ServiziServizi




Copyright 2016 © EDRA S.p.A. - P. IVA 08056040960

edra