Bambini e media, in testa sempre la tv

10 gennaio 2011
News

Bambini e media, in testa sempre la tv



Un'indagine Eurispes-Telefono Azzurro traccia l'utilizzo dei nuovi media da parte dei bambini. La televisione si colloca al primo posto (solo il 4,8% del campione afferma di non utilizzarla mai): il 37,1% dei bambini la guarda fino a un'ora al giorno, il 30,8% da una a 2 ore e il 12,6% oltre 4 ore. Al secondo posto per diffusione è il computer: il 41,3% lo utilizza al massimo un'ora al giorno, mentre il 17,4% da una a 2 ore. La maggioranza dei bambini si collega a Internet (59,7%), nel 40% dei casi senza sorveglianza dei genitori, mentre un terzo ne rimane escluso (33,1%). Anche in questo caso prevale un consumo contenuto: il 31,9% lo usa fino a un'ora al giorno, il 13% da una a 2 ore, ma un 6,9% dei giovanissimi naviga per oltre 4 ore al giorno. Quasi tre bambini su 4 giocano abitualmente con le consolle per videogiochi. Se poi nel 2009 la percentuale di bambini col telefonino si attestava al 53,7%, il 2010 fa registrare un ulteriore incremento della percentuale dei bambini che possiedono un cellulare: complessivamente il 62,4%, contro il 33,2% che non ne dispone ancora. Dalla stessa indagine risulta che la maggior parte dei bambini, nell'ultimo anno, è stata oggetto di offese immotivate da parte di uno o più compagni di scuola (27,8%) o, nel 27,4% dei casi, di provocazioni e prese in giro. Più del 10% del campione, assistendo a situazioni di bullismo, prova emozioni che portano a sostenere il bullo in maniera più o meno diretta: dall'indifferenza (3,4%) al divertimento (3,1%), fino a sentimenti di ammirazione e invidia per colui che gioca la parte del più forte (rispettivamente l'1,7% e il 2,7%).


Cerca nel sito


Cerca in

ARTICOLI     FARMACI     ESPERTO


Calcolo dei percentili di crescita


Potrebbe interessarti
Cefalea
Mente e cervello
18 giugno 2018
Patologie
Cefalea
Sclerosi multipla: un libro per raccontarla ai bambini
Infanzia
08 giugno 2018
Notizie e aggiornamenti
Sclerosi multipla: un libro per raccontarla ai bambini
L'esperto risponde