Ospedali, i pazienti chiedono più coinvolgimento

23 marzo 2011
Focus

Ospedali, i pazienti chiedono più coinvolgimento





Camere senza odori, dipinte a colori tenui e con accesso a internet per i più giovani ma, soprattutto, la possibilità per pazienti e familiari di influire sulle scelte di cura e di consultare la cartella clinica attraverso la rete. Sono gli accorgimenti che, secondo una ricerca del Cermes Bocconi, il Centro di ricerca su marketing e servizi dell'Università milanese, possono contribuire a migliorare la percezione che i pazienti hanno degli ospedali operanti nel sistema sanitario nazionale.

L'indagine è stata condotta attraverso le interviste a 120 pazienti degenti in tre diverse strutture ospedaliere che hanno evidenziato un livello di soddisfazione mediamente elevato (4,60 in una scala da 1 a 5), anche se le soddisfazioni parziali (riferite a quelli che la ricerca considera i quattro driver (ossia aspetti di rilievo) fondamentali di valore nell'esperienza del paziente: la tecnologia; l'ambiente fisico e il comfort; il patient empowerment, ossia conferire al paziente maggiore autorità nelle scelte che lo riguardano; la privacy e la dignità personale, sono un po' più basse. Il 35,83% del campione esprime il desiderio di poter utilizzare internet per scaricare cartella clinica e referti. Oltre il 42% dei pazienti degenti desidererebbe potersi connettere a internet dalla propria stanza di degenza. Quest'area evidenzia una fortissima correlazione con l'età dell'intervistato e con altre caratteristiche quali il grado d'istruzione. Oltre la metà dei pazienti gradirebbe l'assenza di odori in un ambiente ospedaliero mentre, per quanto riguarda i colori, il 64,17% gradirebbe colori tenui nella propria stanza (solo i pazienti più giovani auspicano colori più vivaci). La proposta di poter avere un sottofondo musicale in un ambiente ospedaliero non è molto apprezzata. Oltre il 45% dei pazienti preferisce l'assenza di tale sottofondo, se non, eventualmente, nelle sale d'attesa.

L'aspetto più rilevante per la soddisfazione si rivela quello relativo all'empowerment del paziente (coinvolgimento del paziente e dei familiari nelle scelte riguardanti il percorso di cura, disponibilità del personale ad ascoltare e comunicare con il paziente, possibilità di riconoscere agevolmente il professionista e percezione di interagire con team di medici ed infermieri "stabili ed affiatati"). Il secondo aspetto di valore in ordine di rilevanza è quello della privacy e della dignità personale (riconducibile al rispetto umano e alla tutela della dignità della persona).Solo al terzo posto si posiziona la rilevanza dell'ambiente fisico e del comfort.L'esperienza tecnologica si rivela determinante ai fini del livello di soddisfazione complessiva solo per i pazienti più giovani, ma non per l'insieme del campione, che rispecchia l'età della popolazione attualmente degente in ospedale.

Marco Malagutti


Cerca nel sito


Cerca in

ARTICOLI     FARMACI     ESPERTO


Cerca il farmaco


Ultimi articoli
L'esperto risponde