Meditazione toglie il dolore più degli antidolorifici

07 aprile 2011
News

Meditazione toglie il dolore più degli antidolorifici



meditazione dolore farmaco antidolorifico analgesico


La meditazione riduce il dolore più di un farmaco antidolorifico e basta poco più di un'ora di esercizio per ottenere un potente effetto analgesico. Lo dimostra una ricerca di Fadel Zeidan della Wake Forest Baptist Medical Center presso Winston-Salem. «Abbiamo riscontrato un grande effetto della meditazione» spiega Zeidan «una riduzione di circa il 40% nell'intensità del dolore e di circa il 57% della sensazione spiacevole prodotta da esso. La morfina o altri antidolorifici riducono in media il dolore del 25%». La ricerca è stata pubblicata sul Journal of Neuroscience. Gli esperti hanno coinvolto 15 volontari, tutti "novizi" della meditazione, facendoli partecipare a quattro lezioni di meditazione "mindfullness", in particolar modo chiedendo loro di focalizzare l'attenzione sul respiro e mandar via tutti i pensieri intrusivi e le emozioni. I ricercatori hanno analizzato l'attività del loro cervello con una speciale risonanza magnetica che studia la dinamica del flusso capillare, chiamata Arterial Spin Labelling, e che permette di vedere processi mentali invisibili con la risonanza standard. Durante la risonanza gli esperti hanno applicato ai volontari uno stimolo doloroso e osservato come reagisse il loro cervello durante la meditazione e a riposo da questo esercizio mentale. È emerso che meditare spegne il dolore riducendolo fino anche del 99% in alcuni volontari.



Cerca nel sito


Cerca in

ARTICOLI     FARMACI     ESPERTO


Cerca il farmaco
Dizionario medico




Ultimi articoli
L'esperto risponde