Meno burocrazia e più soldi: le promesse del governo ai malati di Sla

07 novembre 2013
News

Meno burocrazia e più soldi: le promesse del governo ai malati di Sla



sla; Sclerosi laterale amiotrofica


Buone notizie per i malati di Sla (Sclerosi laterale amiotrofica), e di altre gravi patologie, e per le loro famiglie. Il governo per bocca del sottosegretario alla Salute Paolo Fadda si impegna ad elaborare a breve una direttiva per gli Assessorati regionali alla Salute «al fine di uniformare tra le singole Regioni la puntuale applicazione della normativa vigente a livello nazionale».

Ma Fadda ha assunto anche l'impegno di velocizzare tutte le procedure burocratiche per l'utilizzo delle risorse e soprattutto assicura l'impegno del Governo «ad aumentare le risorse destinate al Fondo per la non autosufficienza già previste nella Legge di stabilità per il 2014».

Tutto questo è il risultato di un tavolo tecnico tra i ministeri della Salute, del Lavoro e delle Politiche sociali, dell'Economia e finanze con i rappresentanti dell'Inps, dell'Anci, delle associazioni Aisla e Viva la vita. In quella sede è stato concordato che entro 30 giorni verranno definite le linee guida valutative per i pazienti affetti da Sla e da gravissime patologie, in modo da omogeneizzare la metodologia e i giudizi medico legali su tutto il territorio nazionale.

In particolare l'Inps si è impegnato per ridurre i tempi di attesa per effettuare le visite e per velocizzare l'erogazione degli assegni. Le associazioni dal canto loro hanno richiesto che venga inserito nelle linee guida il principio dell'obbligo della sorveglianza socio-sanitaria a domicilio 24 ore su 24 e 7 giorni su 7 per i pazienti in fase avanzata di malattia.


Cerca nel sito


Cerca in

ARTICOLI     FARMACI     ESPERTO


Cerca il farmaco


Ultimi articoli
L'esperto risponde