Frutta e verdura (e attività fisica): come non farsi troppo male durante le feste natalizie

03 gennaio 2014
News

Frutta e verdura (e attività fisica): come non farsi troppo male durante le feste natalizie



dieta mediterranea


Dolci, brindisi, cenoni... L'arrivo delle feste natalizie porta un bel po' di grasso in più. Coldiretti ha calcolato un aumento medio di peso, dovuto all'assunzione di circa 15mila-20mila chilocalorie in più per l'effetto combinato del maggior consumo di calorie e rinuncia ad alimenti fondamentali come frutta e verdura, di circa due chilogrammi. Ad aggravare la situazione il fatto che in questo periodo le attività sportive vengono spesso sospese. Nei primi mesi del nuovo anno da smaltire per gli italiani ci sono i quasi cento milioni di chili tra pandori e panettoni, ottanta milioni di bottiglie di spumante, ventimila tonnellate di pasta, 5 milioni di chili tra cotechini e zamponi e frutta secca, pane, carne, salumi, formaggi e dolci (per un valore complessivo vicino ai cinque miliardi di euro), solamente tra il pranzo di Natale e i cenoni della Vigilia e di Capodanno.

Ecco quindi i consigli della Coldiretti per affrontare le diete post natalizie, tenendo presente che il primo suggerimento è quello di rivolgersi a un dietologo e di non affidarsi a digiuni e diete fai-da-te, soprattutto se strettamente ipocaloriche, perché il peso perso viene comunque recuperato in poche settimane e con gli interessi. Meglio adottare una dieta a base di cibi leggeri, ricca di frutta e verdura con il consumo di molta acqua e tisane drenanti ma non zuccherate, per una dieta normocalorica e ben bilanciata in cui rientrino solo cibi genuini.

Partiamo dalla frutta e verdura: in primo piano arance, mele, pere e kiwi, spinaci, cicoria, radicchio, zucche e zucchine, insalata, finocchi e carote. Tutte le insalate e le verdure vanno condite con olio d'oliva, ricco di tocoferolo, un antiossidante che combatte l'invecchiamento dell'organismo e favorisce l'eliminazione delle scorie metaboliche, e abbondante succo di limone che purifica l'organismo dalle tossine, fluidifica e pulisce il sangue ed è un ottimo astringente e cura l'iperacidità gastrica.

Le arance, soprattutto, sono una notevole fonte di vitamina C che migliora il sistema immunitario e aiuta a fronteggiare l'influenza, favorisce la circolazione, ossigena i tessuti e combatte i radicali liberi. Le mele, per il loro modesto apporto calorico e per la prevalenza del potassio sul sodio, sono capaci di svolgere un'azione antidiarroica e di regolare la colesterolemia. Le pere, che oltre ad avere un buon potere saziante, contenendo zuccheri semplici come il fruttosio, fibra, molta acqua e poche calorie, sono adatte per chi soffre di intestino pigro. I kiwi ricchi di vitamina C, fosforo e potassio sono particolarmente indicati per migliorare il funzionamento dell'intestino, i semini neri in esso contenuti, infatti, ne stimolano le contrazioni.

Tutta la verdura a foglie verde scuro come spinaci e cicoria contiene acido folico, gruppo vitamine B, essenziale nella formazione dei globuli rossi del sangue per la sua azione sul midollo osseo. L'insalata conferisce volume e potere saziante con un apporto calorico estremamente limitato ed assicura anche un certo contributo di vitamine, calcio, fosforo e potassio. Le carote sono ricche di vitamina A, indispensabile per la salute degli occhi e della pelle, i finocchi, risultano ottimi per combattere la nausea, la digestione difficile e la stitichezza.

Nella dieta non vanno trascurati piatti a base di legumi (fagioli, ceci, piselli e lenticchie) perché contengono ferro e sono ricchi di fibre che aiutano l'organismo a smaltire i sovraccarichi migliorando le funzionalità intestinali ma sono anche una notevole fonte di carboidrati a lento assorbimento, che forniscono energia che aiuta a combattere il freddo.

Ricordatevi, però, che nessuna dieta risulta pienamente efficace senza la pratica costante di attività fisica. E per attività fisica si intende il movimento in senso più ampio, non lo sport specifico. Quindi anche salire le scale, scendere una fermata prima dall'autobus per camminare per qualche minuto, portare le borse della spesa. Tutto questo rientra nel concetto di attività fisica che va svolta in modo regolare e costante.


Cerca nel sito


Cerca in

ARTICOLI     FARMACI     ESPERTO


Cerca il farmaco
Dizionario medico




Ultimi articoli
L'esperto risponde